Attacchi sessisti alla capogruppo dei Cinque Stelle in Sardegna. La Lega prende le distanze

«Sono stata attaccata non come esponente politica, bensì come donna», dice la capogruppo. La Lega: «Ci dissociamo, non è una pagina ufficiale»

«Nota alle cronache per essersi presentata in aula “a tette di fuori”». Questa frase compare in un post su Facebook sulla pagina Lega-Partito Sardo d’Azione.

Il riferimento è alla capogruppo del M5S nel Consiglio regionale della Sardegna Desiré Manca, che ha contestato le nomine di due fedelissimi del Partito leghista – Christian Stevelli e Franco Magi – nello staff del presidente della Regione Christian Solinas.

DESIRE’ MANCA PENSI A SE MEDESIMA (€ 720.000,00 DI COSTO), AL SUO “LEADER” BIBITARO DI MAIO ED A ROCCO CASALINO, EX…

Posted by Lega – Partito Sardo d’Azione on Tuesday, July 23, 2019

Manca risponde a quello che lei definisce «nuovo attacco sessista» alla sua persona: «Sono stata presa di mira non come esponente politica, bensì come donna», dice. Prosegue poi nella dichiarazione ammettendo di dover «constatare il bassissimo livello politico e la presenza di attacchi puramente sessisti, quasi che essere donna e vestirsi a proprio gusto sia un limite da sottolineare, da censurare in nome della presunta superiorità del maschio-politico».

Conclude assicurando che dalla sua «bocca mai si sentirà attaccare un avversario politico riferendomi al suo modo di vestire o al suo aspetto fisico, ho ben altri argomenti da portare avanti per il bene dei sardi». La capogruppo ha espresso amarezza anche per aver visto quel post condiviso su Facebook dall’assessore regionale agli Enti locali Quirico Sanna.

La replica della Lega

«Ci dissociamo totalmente da quanto pubblicato su Facebook in una pagina chiamata ‘Lega-Psd’Az’ e contenente offese contro la capogruppo pentastellata», ha fatto sapere Dario Giagoni, capogruppo della Lega in Consiglio regionale.

«È lontano dalla nostra linea di pensiero la derisione di una collega per l’abbigliamento». Giagoni chiede anche la rimozione dalla pagina in questione della dicitura “Lega” e delle foto con gli esponenti sardi del Carroccio. Non si tratta infatti della pagina ufficiale della Lega in Sardegna e nemmeno del Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione.

Leggi anche: