TECNOLOGIA :

Scontro tra giganti, eBay fa causa ad Amazon per pratiche scorrette

Nomi falsi per mandare messaggi privati ai rivenditori eBay. L’accusa dell’azienda californiana al rivale

Il rivenditore online eBay ha denunciato tre manager di Amazon per una presunta infiltrazione della piattaforma per soffiare rivenditori. La causa, presentata all’inizio di questa settimana in California, afferma che i dipendenti di Amazon si sono iscritti a eBay con nomi e pretesti falsi. Quindi, avrebbero inviato messaggi privati ​​invitando i venditori su Amazon, aggirando attivamente le regole e i filtri di eBay.

Già a ottobre, eBay aveva accusato Amazon di aver cercato di rubare i suoi venditori. Lo scorso ottobre eBay ha inviato una lettera all’azienda di Seattle, sostenendo che 50 rappresentanti di vendita di Amazon hanno inviato oltre 1.000 messaggi ai venditori eBay.

Amazon ha promesso una «indagine approfondita», ma eBay ha proceduto con una causa che è stata successivamente inviata all’arbitrato. Il sito di vendita afferma che i manager di Amazon hanno incentivato i rappresentanti di vendita a impegnarsi nel racket, dando a ciascuno una quota di reclutamento da soddisfare, un numero minimo di venditori di eBay che andavano reclutati.

Le prove di eBay

Tra i nomi fatti da eBay, che sarebbero coinvolti nella causa, c’è quello di Sonja Boch, attualmente a capo del reclutamento globale di venditori presso Amazon.

«La cospirazione del racket che i convenuti e altri gestori di Amazon hanno diretto è stata un successo. I rappresentanti di Amazon hanno soddisfatto parti significative delle quote di reclutamento dei loro venditori attraverso l’attività illegale e hanno riempito i buchi nelle offerte di prodotti Amazon», affermano i legali di eBay.

La causa cita diversi messaggi apparentemente dannosi da parte dei dipendenti di Amazon, incluso uno in cui un dipendente si identifica come membro di un «team di cacciatori / reclutatori che cerca attivamente venditori».

La rivalità tra i due giganti della compravendita online si è intensificata negli ultimi mesi. A luglio, dieci giorni prima del Prime Day, la giornata di super sconti di Amazon, eBay ha organizzato una “vendita in crash”, così chiamata per prendere in giro il fatto che il sito web di Amazon abbia avuto molto problemi durante il suo Prime Day del 2018.

Leggi anche: