Amazon, il Blackfriday sulle spalle dei dipendenti. Scioperi in tutta Europa e negli Usa

Prezzi in saldo per i clienti iscritti al programma Prime. Ma i dipendenti non ci stanno

Come ogni anno il terzo lunedì di luglio (ma dura fino a mezzanotte di oggi, 16 luglio) è l’appuntamento fisso per i clienti Amazon Prime. Una sorta di Blackfriday del commercio online dove più di un milione di prodotti vengono venduti a prezzi di saldo per i clienti iscritti al programma di spedizione veloce e senza costi aggiuntivi da parte dell’azienda di Jeff Bezos.

Ma per molti il 15 luglio si è trasformato in un giorno di protesta, un movimento coordinato in Europa e negli Stati Uniti per denunciare le condizioni di lavori dei migliaia dipendenti dell’azienda statunitense.

«Amazon offre questi sconti ai clienti a spese degli stipendi dei propri dipendenti e scappa dalla contrattazione collettiva», ha dichiarato ad AFP Orhan Akman, del sindacato tedesco Verdi, tra gli organizzatori degli scioperi in Germania. Mancanze respinte dal gruppo che ha affermato che i salari tedeschi di Amazon «sono tra i più alti» rispetto a quelli pagati da altre azienda per la stessa mansione.

Scioperi in Minnesota

Anche negli Stati Uniti i lavoratori si sono radunati fuori dai magazzini di Amazon a Shakopee, nel Minnesota, 40 chilometri a sud-est di Minneapolis. I dipendenti hanno scioperato per sei ore di fila. Nonostante la promessa del colosso americano, lo scorso anno, di aumentare il salario minimo a 15 dollari all’ora i dipendenti sono ancora sul piede di guerra.

«Questi dovrebbero essere impieghi sicuri, su cui le persone possono fare affidamento», ha dichiarato a Vox WIlliam Stolz, un lavoratore di 24 anni. Stolz, è un corriere di Amazon da due anni: «È mentalmente e fisicamente molto stressante».

Stress e pressioni

La decisione di garantire la consegna entro un giorno ai clienti Prime ha penalizzato i dipendenti, costringendoli ad aumentare la velocità di esecuzione e creando ulteriori pressioni sul lavoro. Negli Stati Uniti è la prima volta che i lavoratori Amazon si uniscono per fermare la produzione in una giornata così cruciale come il Black Friday di Amazon.

L’amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha annunciato lo scorso autunno che la società avrebbe iniziato a pagare i suoi lavoratori 15 dollari l’ora . Alcuni tra i critici più severi nei confronti del colosso di Seattle, tra cui il senatore e candidato alle primarie democratiche Bernie Sanders, hanno elogiato la mossa, sebbene Sanders abbia continuato ad attaccare la società sulle condizioni di lavoro complessive.

Leggi anche: