Facebook, Apple, Amazon, Google: i giganti hi-tech sono sotto indagine

Sotto la scure i colossi accusati di mettere in atto politiche monopolistiche

Apple, Facebook e Amazon finiscono sotto accusa da parte delle autorità americane come era già successo con il colosso Google. Il primo effetto di questa vicenda è il crollo dei titoli in borsa. A Wall Street i tecnologici scendono fino a perdere l’1,5%,

Alphabet, l’azienda che offre servizi online tra cui il motore di ricerca Google ha perso fino al 6,5%. Il motivo è l’inchiesta, di cui avevamo scritto, lanciata dal Wall Street Journal, secondo cui l’Antitrust Usa avrebbe aperto un’indagine sulla società.

Amazon, invece, potrebbe essere implicata in un procedimento della Federal Trade Commission americana, l’ente che a quanto pare aprirà un’inchiesta anche su Facebook. L’indagine, invece, sul colosso dell’e-commerce cercherà di capire se la piattaforma abbia messo in atto pratiche monopolistiche limitando la competizione a quei rivenditori terzi che usano la piattaforma per offirre i loro prodotti.

Anche Facebook sarà sottoposta a un’indagine della Federal Trade Commission. La Ftc sta già indagando su Facebook per violazioni sospette della privacy legate allo scandalo Cambridge Analytica, caso che potrebbero costare al gruppo di Mark Zuckerberg fino a 5 miliardi di dollari.

Stesso destino annunciato anche per Apple, finita sotto la scure del Dipartimento di Giustizia americano mentre il titolo in borsa perdeva l′1,01% per le indiscrezioni su una possibile indagine antitrust. La notizia è arrivata alle orecchie del gigante hi-tech durante la conferenza degli sviluppatori in cui veniva annunciata, tra le altre cose, la “separazione” di iTunes in tre app indipendenti.

Leggi anche: