Il giornalista Rai di nuovo contro Salvini: «Ora ricevo minacce di morte. Ne risponderà in tribunale»

Nel frattempo la Rai ha annunciato di aver avviato un procedimento disciplinare contro il giornalista di Radio Rai 1 Fabio Sanfilippo

«Ricevo valanghe di minacce, anche di morte. Ne risponderà, il signor Salvini. Ovviamente in Tribunale». Ad annunciare querela è Fabio Sanfilippo, giornalista caporedattore di Radio Rai 1, che nei giorni scorsi ha pubblicato sui social un controverso messaggio contro l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini

E dopo l’annuncio di querela da parte del leader del Carroccio, il caporedattore della Rai si è nuovamente ripalesato su Facebook, annunciando una contro-querela contro Matteo Salvini. 

«La reazione scomposta del signor Salvini e dei suoi – scrive Sanfilippo – dimostra che il mio personale e iperbolico post, al netto della caduta di stile sul citare la figlia di cui ho fatto peraltro pubblica ammenda, deve aver toccato nervi scoperti». 

«Tipo che dopo essersi “messo fuori gioco” da solo – spiega il caporedattore di Radio Rai1 – la Lega perde consensi ma soprattutto che il signor Salvini rischia di perdere il controllo del suo partito. Egli continua a insultarmi – citando ovviamente i familiari, prima li ostentava sui social – in tv, sui giornali, nei comizi. Incitando i suoi all’odio nei miei confronti».

Nel primo post, Sanfilippo si era rivolto all’ex vicepremier scrivendo: «Non hai un lavoro, non sai fare niente…hai perso il ruolo da ministro, certo con la vita che ti eri abituato a fare tempo sei mesi e ti spari, nemico mio».

Il giornalista, pur avendo ammesso di aver sbagliato a menzionare la figlia del leader della Lega («Mi dispiace per tua figlia, ma avrà tempo per riprendersi, basta farla seguire da persone qualificate», ndr), ha ribadito che il suo post non fosse un invito al suicidio nei confronti di Salvini, ma una «constatazione» del fatto che l’ex vicepremier si sia «politicamente “fatto fuori” da solo».

Leggi anche: