Giù l’esecutivo M5S-Pd, su la Lega: cosa pensano gli italiani del nuovo governo

I sondaggi: il governo M5S- Pd piace a una minoranza, il partito di Renzi al 3,6%

Più della metà degli italiani (6 su 10) ha un’opinione negativa del nuovo esecutivo giallo-rosso, anche se Giuseppe Conte rimane il politico di cui si fidano di più dopo Sergio Mattarella. Se il 64% dei cittadini ha fiducia nel Capo dello Stato, il 50% ne ha nel premier, il 31% in Matteo Salvini, il 24% in Nicola Zingaretti e il 21% in Luigi di Maio. L’ultimo è Matteo Renzi, al 14%. Lo rivelano i nuovi sondaggi Quorum Youtrend fatti per Skytg 24.

Non stupisce che dal nuovo governo ci si aspetti una politica migratoria più morbida (36%), l’introduzione di una tassa patrimoniale (39%). Il dato più inaspettato è che gli italiani tengono maggiormente all’eliminazione del reddito di cittadinanza, provvedimento di punta del M5S, e non a cancellare il Decreto Sicurezza, baluardo salviniano.

Se domani ci fossero le elezioni politiche il 31,3% degli italiani voterebbe per la Lega, il 21,2 per il PD, 18% M5S, 7,8% FdI , 6,9% forza Italia e 3,6% per Italia Viva di Renzi. L’Italia risulta invece divisa a metà per quanto riguarda le intenzioni di voto nel caso in cui i due unici concorrenti fossero da una parte una coalizione di centrodestra e dall’altra una di centrosinistra: 47,2 per cento preferirebbe la prima e 46,2% la seconda.

Le restanti domande poste Youtrend mirano a testare la conoscenza degli italiani delle istituzioni politiche e delle più recenti riforme. Il 32% pensa che le elezioni politiche siano volte a designare il capo del governo e non il Parlamento e solo il 26% è in grado di fornire una risposta corretta alla domanda «cosa cambierebbe con il taglio dei parlamentari».

Leggi anche: