I navigator campani in piazza coi lavoratori Whirlpool: «Drammatica e insostenibile situazione occupazionale»

«È giunto il momento di mettere al centro il diritto al lavoro di migliaia di persone»

«I lavoratori Whirlpool stanno subendo un torto e le istituzioni devono rispondere immediatamente. Così come hanno l’obbligo di non abbandonare i 471 navigator campani». Per queste ragioni oggi scenderanno insieme in piazza a Napoli i lavoratori della Whirlpool dello stabilimento del capoluogo campano e i vincitori del concorso per navigator in Campania che non hanno ancora firmato il loro contratto perché manca l’accordo tra Anpal e Regione.

Se i navigator campani protestano già da diverse settimane, è invece di qualche giorno fa la notizia della cessione del ramo Whirlpool di Napoli, decisione annunciata la scorsa settimana dall’amministratore delegato di dell’azienda Luigi La Morgia.

La protesta di piazza unisce le due categorie di lavoratori per «sensibilizzare ancora una volta sulla drammatica e insostenibile situazione occupazionale in Campania». «È giunto il momento – si legge in una nota diffusa dagli organizzatori della manifestazione – di mettere al centro il diritto al lavoro di migliaia di persone».

I 471 navigator campani «sono vincitori di una selezione pubblica e, come i loro colleghi in tutta Italia, hanno il diritto di svolgere le attività di supporto ai Centri per l’Impiego, per cui sono stati selezionati», scrivono i rappresentanti

«Saremo quindi in piazza sia per solidarizzare con chi è stato privato della sua dignità di lavoratore, sia per ribadire il nostro diritto a firmare il contratto di lavoro che ci siamo conquistati attraverso una regolare procedura selettiva pubblica», si legge sulla pagina Facebook dei navigator Campania.

Leggi anche: