Regionali Umbria, nel Pd spunta la penale “grillina” per frenare la fuga in Italia Viva: chi va via paga 30 mila euro

A meno di un mese dal voto, i vertici dem umbri provano a blindare il partito dopo la scissione renziana

Tra le diverse grane a cui deve badare il Pd in Umbria c’è anche quella delle possibili fughe verso Italia Viva di Matteo Renzi da parte dei consiglieri che verranno eletti il prossimo 27 ottobre alle elezioni Regionali.

Già chiudere l’accordo per il “patto civico” non è stato un passaggio indolore, con i mal di pancia in entrambi gli schieramenti che non hanno di certo facilitato le strategie romane di avvicinamento tra Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti.

La scissione ha aggiunto sale sulle ferite, mettendo in allarme i vertici dem locali che, come riporta il Messaggero, stavolta per la presentazione delle candidature hanno cambiato passo. I venti aspiranti consiglieri sono stati convocati nello studio di un notaio di Perugia, non solo per firmare i soliti moduli da depositare in Corte d’Appello, ma anche un contratto dal vago aspetto grillino.

Il documento prevede una sorta di vincolo di mandato, con tanto di penale da 30 mila euro per chi decidesse di lasciare il partito per approdare ad altri lidi. Una regola del tutto simile a quella in vigore nel M5s per i parlamentari, che prevede una sanzione di 100 mila euro per chi va via.

La nuova regola sarebbe stata voluta dal segretario regionale Walter Verini, scrive il quotidiano romano, assieme al nuovo tesoriere, il manager Paolo Coletti, che deve mettere ordine ai conti del partito non proprio in fase rosea. Tutta la struttura dem infatti fa affidamento sui contributi degli eletti, le prossime elezioni Regionali potrebbero non portare un numero generoso di eletti dem in consiglio regionale, se poi qualcuno andasse via, sarebbe un disastro. La penale nasce evidentemente dal sospetto che qualcuno abbia già in mente di fare il salto verso i renziani. Secondo il Messaggero, tre quattro candidati consiglieri sarebbero già tentati, naturalmente dopo l’elezione.

Leggi anche: