Sondaggio Ipsos, in calo Lega, M5s e Pd. Allarme dem: sotto la soglia del 20% dopo la scissione

Salgono però i consensi per l’esecutivo Conte-bis

Il nuovo sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera rivela una perdita di popolarità di tutte e tre le principali forze politiche. Ma paradossalmente, mentre scende il gradimento per le due forze politiche che lo compongono, Pd e M5s, sale l’apprezzamento per il governo Conte bis.

Cala il Partito Democratico, che passa dal 22,3% il 29 agosto al 19,5% oggi. Ma insieme ai dem cadono anche il Movimento 5 Stelle (da 24,2 a 20,8) e (da 31,8 a 30,8) la Lega. Se la perdita della Lega da fine settembre è minore rispetto a quella degli altri due partiti, il calo di consensi più massiccio per il partito era avvenuto ad agosto.

Da allora, il partito di Matteo Salvini è sceso di 5 punti. L’elettorato sembra ancora punire la scelta dell’ex capo del Viminale di far cadere il governo, ma anche l’indebolimento della sua retorica sui social sembra aver penalizzato il suo successo. I delusi leghisti sembrano aver raggiunto le fila di Fratelli d’Italia, che passa dal 7,8 all’8,9%, ma anche quelle di Forza Italia, che dal 7 raggiunge l’8%.

Un importante contributo alla discesa del Pd è stato sicuramente dato dalla creazione di Italia Viva, il partito di Matteo Renzi, che guadagna un paio di punti percentuali dalla sua fondazione raggiungendo il 4,8%. Vuoto quello dei renziani non ancora colmato dal ritorno degli elettori Pd che avevano abbandonato il partito proprio a causa dell’ex premier.

I giudizi positivi passano da 36% a 38% e quelli negativi scendono da 52% a 48%. Sono soprattutto gli elettori di Forza Italia ad aver cambiato opinione sull’esecutivo Conte-bis: rispetto al suo insediamento sono tre volte tanti quelli che lo sostengono tra le fila dei berlusconiani.

Nel resto del centrodestra non leghista cresce il gradimento per il governo passato dal 25% al 75%. A contribuire a questo salto sono per lo più gli elettori di Forza Italia.

Leggi anche: