Milan, bilancio in rosso: a gennaio un colpo in uscita. Da Donnarumma a Paquetà, la situazione

I 146 milioni di rosso in consolidato sono quasi un obbligo a vendere: ecco i principali indiziati

Il bilancio record – ma in negativo (circa 146 milioni in rosso in consolidato) – del Milan avrà probabili effetti sul calciomercato di gennaio. Salvifici in parte per le casse, depauperanti per il coefficiente tecnico della squadra di Pioli.

I nomi più gettonati in uscita portano ai calciatori che potrebbero generare le famose plusvalenze, e cioè quelli presi a costi irrisori e rivendibili con ampio margine di guadagno. Tradotto: Suso e Donnarumma.

Costati entrambi zero in termini di cartellino, Jesus e Gigio sarebbero i primi sacrificabili ma, dettaglio che diventa ostacolo bello grosso, non hanno mercato. Perlomeno non lo hanno alle cifre richieste dal Milan.

Gigio, niente Psg. E il rinnovo…

Per Donnarumma, valutato sui 55 milioni di euro, si era mosso in estate il Psg di Leonardo offrendo 20 milioni cash più Areola. ‘No, grazie’, la risposta del Milan che, intanto, ha tra le mani la patata bollente del rinnovo del portiere rossonero. Anche questo oggi è tutto fuorché un dettaglio. Altri corteggiatori per Gigio? Nei fatti, no. Perché le big d’Europa hanno sistemato i loro pali, lo stesso Psg si è affidato a Keylor Navas che, dopo il duello a Madrid con Courtois, non gradirebbe altri ballottaggi tra i pali.

Suso senza corte

E Suso? Lo spagnolo, entrato nel mirino della critica rossonera, ha una valutazione inferiore alla sua clausola rescissoria da 40 milioni di euro: con 35 milioni di euro (anche meno) si può portare via, ma nessuno, per ora, si fa concretamente avanti. La Roma e le francesi, spettatrici interessate alla vicenda in estate, si sono smaterializzate. E il Diavolo aspetta, sperando che Pioli possa riconsegnare allo spagnolo le armi, e il sinistro, un tempo così efficaci.

https://www.instagram.com/p/B3QKFn9CS63/

Paquetà e Leonardo

A conti fatti, e con l’orecchio a terra sui corridoi del calciomercato, gli unici giocatori rossoneri ad avere potenziali acquirenti pronti a fare sul serio sono Kessie (Wolverhampton) e Lucas Paquetà. Il brasiliano, pagato 35 milioni di euro, è nelle mire di Leonardo che, dopo averlo portato in rossonero da ds del Milan, vorrebbe trascinarlo anche a Parigi. La stima è enorme ma, al momento, della presunta offerta da 40 milioni di euro presentata al Milan non c’è traccia. Piatek? Nessuno oggi coprirebbe i 40 milioni spesi lo scorso gennaio dai rossoneri. All’epoca era partita un’asta. Oggi Piatek non si vende perché non ci sarebbe realizzo. Il calcio corre veloce.

Leggi anche: