Le amichevoli cambiano il mercato, Giampaolo blinda Suso. E Dzeko illumina la Roma

Milan k.o. col Manchester United ai rigori. Roma di forza a Lille (2-3)

Mutatis mutandis. Basta qualche amichevole nei tempi moderni per cambiare con un colpo secco scenari di mercato consolidati e trasformare semafori verdi in uscita in accecanti lampeggianti di stop.

Due esempi nel primo sabato sera agostano. A venti giorni dall’inizio della serie A, ecco come cambiano, nel volgere di un paio di partite, posizioni di calciatori e rispettivi club; solo in apparenza cristallizzate.

Prendere a esempio il Milan e Suso. La sconfitta ai rigori (7-6) contro il Manchester United a Cardiff (decisivo il penalty sbagliato da Maldini) ha offerto un Diavolo tonico. E nel 2-2 dei tempi regolamentari ha brillato, al di là della rete segnata con il solito, splendido sinistro, la stella di Suso.

L’esterno, da tempo corteggiato dalla Roma, sta riscalando le gerarchie e conquistando il cuore di Giampaolo; l’allenatore a fine gara parla dello spagnolo e, di fatto, lo toglie dal mercato con un eloquente ‘Suso è un fuoriclasse e non si discute. L’ho detto a lui e l’ho detto al club. Non è un problema, i giocatori forti li dobbiamo tenere’. Firmato Marco Giampaolo.

Dzekolandia

E vuole tenersi i gioielli di casa anche Paulo Fonseca che nel 3-2 in rimonta sul campo del Lille (in rete Under, Zaniolo e Cristante) si gode la superprestazione di Dzeko. L’ennesima.

Il bosniaco non entra nel tabellino, ma in tutti i gol della Roma. Un fattore totale, imprescindibile. E per l’Inter non è una buona notizia. Qualche calda serata d’agosto, a quanto pare, rischia di insidiare gli scenari più intoccabili.

Foto di copertina Ansa – Suso

Leggi anche: