La laurea da influencer? Anche i giornali stranieri parlano del corso italiano

Il corso di laurea lanciato dall’università italiana eCampus ha fatto parlare di sé sia in Italia che all’estero

La pubblicità a locali, viaggi e prodotti ormai passa per i social. Dai ristoranti alle compagnie di viaggio, dai negozi di abbigliamento alle linee di cosmetica, soprattutto quando un marchio vuole rivolgersi ai giovani non può fare a meno di loro: gli influencer.

Eppure il corso di laurea lanciato da eCampus sta facendo ancora parlare di sé, non solo in Italia, ma anche all’estero. Cbs News ha pubblicato un articolo dal titolo Italian university offers degree in how to become an online influencer, ma ancora prima ci aveva pensato la sezione business di Fox: Want to be a social media influencer? There’s a degree for that now. La sezione in lingua francese di Glamour scriveva: Mode : ces universités délivreront prochainement un diplôme d’influenceur.

«eCampus, università online nata 13 anni fa con 30mila studenti e il quartier generale a Como, ha lanciato un nuovo corso di laurea per insegnare agli studenti le capacità necessarie per colmare il vuoto tra il marketing tradizionale e quello digitale, in vista del fatto che le aziende contano sempre di più sulle celebrità e sugli influencer per pubblicizzare i loro marchi e i loro prodotti», scrive Cbs News prima di ricordare i dati della disoccupazione in Italia: «È tra i più alti in Europa, quasi al 30%».

I giornali esteri hanno riportato la notizia per lo più con curiosità e dati alla mano. In Italia invece non sono mancate polemiche e in molti si sono chiesti: ci vuole una laurea per diventare Chiara Ferragni? Considerando che un influencer arriva a guadagnare mille euro a post ogni 100mila follower, la risposta è probabilmente sì.

Leggi anche: