Emma Ugolini, tra i 25 studenti più bravi d’Italia: «A Mattarella chiederò scusa, mi dispiace dover lasciare il Paese» – L’intervista

Emma riceverà insieme ad altri 24 ragazzi la medaglia “Alfiere del Lavoro”, assicura di non essere «la solita secchiona». E definisce «una follia» il voto ai 16enni

Ha la voce emozionata. Ci risponde dalla stanza di un albergo di Roma. Il completo blu che indosserà oggi, 22 ottobre, è appeso sulla gruccia, pronto per essere indossato. Emma Maria Ugolini, 18enne di Trevenzuolo (Verona), ha un appuntamento importante: incontrerà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lei, insieme ad altri 24 ragazzi, riceverà la medaglia “Alfiere del Lavoro”.

Sono gli studenti migliori d’Italia. Per avere il riconoscimento devono aver avuto almeno 9 all’esame di terza media, la media dell’8 nei primi quattro anni delle superiori e 100 all’esame di maturità. Emma Ugolini è brava tra i bravissimi con la sua media del 10 al liceo scientifico di Verona.

Ora studia Medicina a Milano, ma per non rimanere impantanata in un imbuto tra laurea e specializzazione che si traduce con una mancanza di medici sul territorio nazionale, presto andrà all’estero, spera in Inghilterra. «A Mattarella chiederò scusa, mi dispiace andarmene dall’Italia dopo un riconoscimento del genere. È come voltare le spalle. Gli prometterò di tornare», dice poco prima della premiazione.

Qual è stato il tuo primo pensiero quando hai ricevuto l’invito di andare al Quirinale?

«Tanta emozione. Il riconoscimento corona tutto il percorso che ho fatto alle superiori».

La media del 10 allo scientifico. Qual è il tuo segreto?

«Prima di tutto tanta costanza, si studia molto, sempre. Sette giorni su sette. Quest’anno poi ero alle prese con maturità, certificazioni linguistiche e test di medicina. Non ho fatto un giorno di vacanza. Praticamente non ho visto il mare (ride ndr). Poi la famiglia fa la sua parte, la mia è stata sempre vicina, pronta a supportarmi, a sorreggermi quando cadevo».

Che consiglio daresti a un ragazzo che vuole andare bene negli studi?

«Impegno e non avere timore di chiedere aiuto. Spesso i professori vengono visti come persone lontane. Noi siamo qua e loro lassù su una specie di piedistallo. Non è così. La scuola deve essere un cammino da fare insieme. E i docenti sono sempre molto disponibili a chiarire ogni dubbio. Almeno i miei lo sono sempre stati».

Come ti vedi da grande?

«Medico. Ma nei prossimi dieci anni fuori dall’Italia. Mi dispiace molto, ma sono quasi costretta per non rimanere impantanata in un sistema che tra laurea in medicina generale e specializzazione crea un vuoto di medici e blocca noi giovani. Dopo la specializzazione spero davvero di tornare a lavorare in Italia però».

Università Humanitas di Milano

Com’è essere sempre il più bravo? È difficile gestire la pressione?

«A volte è stato molto difficile, soprattutto quando è iniziata a girare voce a scuola che poteva arrivare questo riconoscimento. Penso che in generale sui giovani ci sia troppa pressione. Io non voglio trasmettere un messaggio di perfezione. Non sono perfetta, ho i miei crolli, sbaglio anche io. Noi giovani siamo umani. Capita, a volte, di sentirsi frustrati, non all’altezza, magari per un mezzo voto in meno a una verifica o semplicemente per non aver completato un giorno il piano di studi. Non è giusto. I fallimenti, piccoli o grandi, fanno parte del percorso, bisogna che lo capiscano tutti: familiari, insegnanti, ma prima di tutto dobbiamo capirlo noi stessi e i nostri compagni».

Sei mai stata presa in giro o definita “secchiona”?

«Presa in giro no perché so difendermi, ho un carattere abbastanza forte. E poi non sono la classica secchiona: non ho mai fatto copiare alle verifiche solo per farmi degli amici. Però se qualcuno aveva bisogno, ero la prima ad aiutare. Secondo me il segreto per sopravvivere nella giungla della scuola è farsi valere e tirare fuori il carattere».

Cosa vorresti dire a Mattarella?

«Vorrei chiedergli scusa perché mi dispiace andarmene dall’Italia. Dopo un riconoscimento simile è come voltare le spalle. Ma vorrei dirgli anche che in particolare per i medici il sistema è da rivedere, perché spinge molti giovani come me ad andare all’estero. Gli prometterò di tornare quando le cose si sistemeranno».

Cosa ne pensi del voto ai 16enni?

«Sono assolutamente contraria. Io ho una passione per la politica e cerco di informarmi, ma vedo i miei coetanei di 18, 19 o 20 anni che non sanno nemmeno la differenza tra i partiti. Figuriamoci i 16enni, una follia farli votare. Secondo me non sono abbastanza preparati, ma così come a volte sento di non esserlo nemmeno io. Per esprimere il voto bisogna avere un panorama ampio e purtroppo non sempre, secondo me, noi giovani ce l’abbiamo».

Credit Foto: Open

Leggi anche: