Open Arms ha un porto sicuro. I 62 migranti rimasti a bordo arriveranno a Taranto

Il via libera era stato anticipato anche dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese

La Open Arms può sbarcare a Taranto. È la stessa Ong a comunicarlo con un tweet dopo che nella giornata di domenica 24 novembre aveva chiesto all’Europa di far sbarcare le 73 persone a bordo. Da tre giorni la nave e le persone soccorse erano in balia del maltempo. E nelle ultime ore si sono susseguite alcune evacuazioni.

Lo sbarco dovrebbe avvenire lunedì 25 novembre. Al momento infatti la nave della ong spagnola non può muoversi a causa delle condizioni meteo. Nella giornata di domenica erano stati trasferiti ad Augusta, vicino a Siracusa, 11 dei migranti bordo.

Fonte: Twitter | Le prime operazioni di sbarco della Open Arms

Come documentano i video pubblicati sui social della Open Arms, a sbarcare nel porto siciliano sono stati i bambini con le loro famiglie e i feriti, da ustioni o da armi da fuoco.

Fonte: Twitter | L’annuncio dell’assegnazione di un porto sicuro

Il via libera era stato anticipato anche dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, che alla trasmissione Mezz’ora in più, parlando di un possibile porto sicuro aveva detto: «Probabilmente sarà dato».

Leggi anche: