Sul Mes stasera, al vertice di palazzo Chigi, si rischia la fine dell’alleanza giallorossa

di OPEN

La riforma del fondo Salva-Stati riporta la maggioranza in fibrillazione. Le prossime mosse del capo politico grillino sono tutt’altro che scontate

I toni sempre più duri di Luigi Di Maio contro la riforma del Mes, il fondo Salva-Stati, che il governo dovrà confermare in Europa, e su cui domani il premier Conte dovrà riferire in parlamento la posizione del governo, ha scatenato l’allarme degli alleati, Pd in primis, a poche ore dal vertice di maggioranza di questa sera a palazzo Chigi: la posizione in apparenza intransigente di Di Maio sul rinvio della firma italiana ha fatto crescere l’idea che il capo politico del M5s possa usare quest’ultimo scontro come argomento per mettere in crisi l’esecutivo giallo-rosso.

Di fatto il ministro degli esteri, con quel «nessuna firma al buio» e la promessa di un impegno a modificare gli aspetti del Mes che nel Movimento sono considerati inaccettabili, fino all’intenzione di rinviare l’approvazione dell’accordo da parte dell’Italia, si mette in una posizione inconciliabile con quella del Partito Democratico.

Il presidente del Pd Gentiloni, che da due giorni è il nuovo commissario europeo per gli affari economici, è durissimo nel tenere il punto, in un’intervista al Corriere della Sera: «Descrivere l’intesa sul Mes come un rischio o addirittura un complotto contro l’Italia può alimentare rischi sui mercati che oggi non esistono». E all’intervistatore Paolo Valentino che gli chiede se Commissione farebbe una proposta di compromesso sul Mes se si creasse una situazione di stallo risponde: «Il compromesso è stato raggiunto nel giugno scorso. E ripeto non c’è alcun motivo tecnico o politico per definire quell’intesa un rischio per l’Italia». E taglia corto anche sull’ipotesi di una richiesta di rinvio italiana: «Non vedo ragioni che possano spingere un singolo Paese a bloccare l’intesa sul Mes».

E ancora più duro è stato, secondo una ricostruzione non smentita di Repubblica, lo stesso segretario del Pd: «È un metodo folle che danneggia l’Italia, una sfida senza senso all’Europa», le parole di Zingaretti citate da Repubblica.

Sondaggi alla mano, il momento per staccare la spina al governo non sarebbe quello ideale per il M5s, viste le cifre che oscillano al 16%. Anche se Giorgia Meloni, intervistata a sua volta dal Messaggero, invocando uno stop al Mes ricorda che Di Maio ha nelle mani un terzo dei parlamentari, abbastanza per costringere gli alleati di governo a ascoltare le sue ragioni, non c’è nessuna possibilità di mediazione. È chiaro che ognuno prova a spingere dalla sua parte il “capo politico”, e sono in molti a temere una crisi al buio.

Ma chi gli sta vicino dice che, proprio in un momento critico come questo sul piano dei consensi, per Di Maio sarebbe l’occasione di rimettere in gioco il Movimento, riportandolo sui temi in passato più caratterizzanti dell’euroscetticismo, sui quali Salvini non ha mai mollato la presa, gonfiando i suoi consensi anche tra chi aveva votato M5s. Sarebbe una scelta che per il governo significherebbe la fine certa. Per questo il vertice di stasera è atteso da tutti, maggioranza e opposizione, col fiato sospeso.

Leggi anche: