Tragedia di Corso Francia, il pm dispone l’autopsia

Il giovane che le ha investite, Pietro Genovese, rischia fino a 12 anni di carcere

Il pm titolare del fascicolo, Roberto Felici, ha deciso di affidare l’incarico per effettuare l’autopsia sui corpi di Camilla e Gaia, le due minorenni morte la notte tra sabato e domenica perché travolte da una auto mentre attraversavano Corso Francia. Nel medesimo fascicolo è indagato per omicidio stradale Pietro Genovese, che era al volante dell’auto.


La legge, tutto sommato recente, sull’omicidio stradale punisce chi uccide per colpa con pene dai 2 ai 7 anni che però arrivano al limite di 8/12 quanto l’autore del reato è considerato in stato di ebbrezza o si dimostra che abbia usato stupefacenti. Il giovane Genovese, figlio del regista Paolo, è risultato positivo ai test anche se gli ulteriori accertamenti valuteranno se davvero, come sembra, le ragazze abbiano attraversato con il semaforo verde per le auto e gli effettivi livelli di alcol e sostanze stupefacenti rilevati nel corpo del ragazzo.

Leggi anche: