Salvini attacca Conte: «Maratona? Non arriva neanche al primo chilometro»

«Conte è una persona che vive male, è ossessionata da me – ha continuato Salvini – lui si alza la mattina e va a dormire pensando a me»

Matteo Salvini torna all’attacco del premier Conte che ieri, 28 dicembre, durante la conferenza stampa di fine anno aveva definito la leadership del suo ex ministro dell’Interno «insidiosa» e aveva annunciato modifiche ai decreti Sicurezza.

Oggi il leader del Carroccio affonda sulle prospettive di durata del governo previste da Conte: «Maratona? Conte non arriva neanche al primo chilometro. L’ostacolo sarà la realtà, c’è una situazione economica preoccupante», ha detto Salvini parlando in una conferenza stampa a Bologna.

Il premier aveva esordito nel suo discorso ai giornalisti premettendo che se questi primi mesi dell’esecutivo giallorosso sono stati come «i cento metri», adesso il governo poteva procedere appunto «come una maratona» e arrivare alla conclusione della legislatura. Il botta e risposta fra il presidente del Consiglio e il suo vicepremier non si ferma però alla sostanza politica: «Conte è una persona che vive male, è ossessionata da me – ha continuato Salvini – lui si alza la mattina e va a dormire pensando a me».

Poi l’auspicio all’indomani delle consultazioni regionali: «Io conto che il governo vada a casa al di là delle sconfitte in Emilia- Romagna e in Calabria: guardiamo la tragicommedia delle ultime ore, salta un ministro se ne inventano due, di cui uno indagato».

Soltanto ieri, Salvini non era stato più morbido con il premier: «Conte annuncia modifiche ai decreti Sicurezza, racconta balle vergognose sull’immigrazione e cambia versione sulla Gregoretti. Nel 2019 siamo a 11.439 arrivi, di cui 6.304 da settembre a oggi “grazie” al governo delle poltrone e dei porti aperti», aveva scritto su Twitter.

Leggi anche: