Redditi dei politici, Conte supera il milione di euro, ma Berlusconi resta il Paperon de’ Paperoni

Renzi ha dichiarato 700mila euro in più rispetto all’anno precedente, il leader della Lega Salvini 70.173 euro, la leader di FdI Meloni 97.145 euro. Non ancora disponibili i redditi di Di Maio e Fico

Più di un milione di euro per Conte, quasi 800mila euro per Renzi, poco più di 70mila euro per Salvini, quasi 100mila euro per Meloni e oltre 50 milioni di euro per Silvio Berlusconi. Sono queste le cifre dei redditi dei politici italiani i cui 730, come legge vuole, sono stati pubblicati online sul sito del Parlamento. 

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel 2019 ha dichiarato circa 700mila euro in più rispetto all’anno precedente. Nel 730 del 2018 Conte ha dichiarato un reddito imponibile pari a 1.155.229 milioni di euro, mentre nella dichiarazione precedente il reddito dichiarato dal premier era di 370.014 euro. 

L’incremento – si apprende da fonti di Palazzo Chigi – è dovuto al fatto che Conte, quando ha assunto l’incarico di governo, ha dovuto chiudere tutti gli incarichi pendenti emettendo le relative fatture, e quindi ha fatturato in un solo anno importi che altrimenti sarebbero stati ben più diluiti nel corso del tempo.

Tra i politici più noti spicca poi l’aumento di quasi 700mila euro nella dichiarazione del senatore e leader di Italia Viva Matteo Renzi che se l’anno scorso aveva dichiarato un reddito complessivo di 29.315 euro, quest’anno – grazie anche alla cessione della sua metà di un immobile e alla liquidazione della Digistart Srl – ha dichiarato un reddito imponibile pari a 796.281 euro. 

Sempre tra i banchi del Senato spiccano anche i 70.173 euro di imponibile dichiarati dal leader della Lega Matteo Salvini, rispetto ai 13.228 euro dichiarati nel 2018. 

Il reddito della deputata della Camera e leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, resta pressoché invariato rispetto all’anno precedente: se nel 2018 dichiarò 100.336 euro, quest’anno Meloni ne ha dichiarati 100.456 complessivi, per un totale di 97.145 euro di imponibile.

Ma a guidare la classifica c’è sempre il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che, malgrado una lieve flessione del reddito complessivo -passato da 50,824 milioni nella dichiarazione del 2018 a un reddito di 48,025 milioni nel 2019 – resta il politico più ricco d’Italia. 

I redditi dei ministri del governo Conte II

A guidare la classifica dei ministri più ricchi del Governo M5s-Pd vi è il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, con un reddito imponibile nel 2018 pari a 200.767 euro.

Al secondo posto troviamo la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese che nel 2018 ha dichiarato un reddito imponibile di 160.876 euro. Subito dopo la titolare del Viminale si piazza il guardasigilli Alfonso Bonafede, che nel 2019 ha dichiarato un reddito imponibile pari a 153.832, non molto diverso rispetto al reddito presentato l’anno precedente. 

Nessuna variazione rispetto all’anno precedente anche per il ministro della Difesa Lorenzo Guerini, che ha dichiarato 131.914, né per la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, che ha dichiarato 115.290 euro.

A seguire troviamo il ministro dell’Ambiente Sergio Costa che ha dichiarato un imponibile di 104.271 euro. A lieve distanza c’è il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri con 104.134 euro. 

La classifica dei redditi dei ministri del Conte II continua poi con i 99.643 euro dichiarati dal ministro agli Affari regionali Francesco Boccia, con i 98.471 euro dichiarati dalla ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone e con i 95.863 euro dichiarati dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà. 

A seguire, ancora: i 94.445 euro dichiarati dalla ministra all’Agricoltura Teresa Bellanova, i 93.053 euro di imponibile dichiarati dalla ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli e gli 84.340 euro dichiarati dal ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

E infine: 81.245 euro per il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, 77.762 euro per il ministro della Salute Roberto Speranza e, con 45.753 euro di reddito imponibile dichiarati, chiude la classifica il ministro degli Affari Europei Enzo Amendola.

I redditi dei senatori e delle senatrici a vita

Tra le dichiarazioni dei redditi dei senatori a vita sono assenti quelle di Renzo Piano, Carlo Rubbia e Mario Monti. Presenti invece quelle del presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano che nel 2018 ha dichiarato 121.259 euro. Pubblicati anche i 730 delle senatrici a vita Liliana Segre ed Elena Cattaneo che hanno rispettivamente dichiarato 246.568 euro e 106.727 euro. 

I redditi non ancora pubblicati

Non sono ancora disponibili on line i redditi del capo politico del Movimento 5 Stelle e ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, della ministra delle Pari opportunità Elena Bonetti e della la ministra dell’Innovazione Paola Pisano. Assente anche quello del presidente della Camera Roberto Fico, contrariamente a quello della sua omologa al Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che risulta aver dichiarato un reddito imponibile pari a 301.598 euro. 

Leggi anche: