Riace, il sindaco leghista diffonde dati sensibili della sardina Jasmine Cristallo: «Ci vedremo in tribunale»

La notizia è arrivata dalla leader del movimento calabrese che ha raccontato l’accaduto in una mail

«Eccovi il signor Antonio Trifoli. Non l’ho mai incontrato di persona, ma tra poco succederà: in tribunale». Così Jasmine Cristallo, leader delle Sardine in Calabria, annuncia con un post sul proprio profilo Facebook l’intenzione di querelare il sindaco di Riace.

Il sindaco, eletto a Riace con l’appoggio della Lega ma che non si dichiara leghista, avrebbe pubblicato lo screenshot dell’email inviata dalla leader delle sardine calabresi al Comune con tutte le sue informazioni.

«La mia intenzione – ha detto, raggiunto al telefono da Agi – era soltanto quella di evidenziare il numero esatto delle persone che hanno partecipato all’iniziativa e per errore ho pubblicato sul mio profilo Facebook anche l’indirizzo di Jasmine Cristallo».

Le reazioni

«Un fatto gravissimo. Il sindaco di Riace, il leghista Antonio Trifoli, ha reso pubblico l’indirizzo di casa e l’e-mail di Jasmine Cristallo. Mettendo tra i commenti di una pagina Facebook lo screenshot della sua e-mail inviata al Comune con tutte le sue informazioni».

Lo afferma su Fb Leonardo Cecchi, un militante delle Sardine. Si tratta della mail con cui Cristallo, leader calabrese del movimento, ha informato la questura di Reggio Calabria del flash mob che si è poi svolto ieri a Riace.

«Ha così esposto pubblicamente una donna, lei, che ha ricevuto insulti e minacce da parte dei sovranisti. Che è stata messa alla gogna dallo stesso Salvini» – prosegue il post di Cecchi. «Roba da pazzi», dice.

Cecchi polemizza sul fatto che un uomo delle istituzioni si sia preso la briga di diffondere dati sensibili. La cosa espone la donna agli attacchi di qualunque fanatico. «Il fatto va denunciato. E subito. Non è tollerabile che sia accaduto questo. E provvedimenti devono essere presi. Non seri. Ma serissimi. Siamo con Jasmine. Oggi più che mai».

Leggi anche: