Usa, Trump smantella l’eredità politica di Michelle Obama: cambiano le linee guida su frutta e verdure nelle scuole

L’annuncio è arrivato lo stesso giorno del compleanno dell’ex First Lady

Continua a crollare l’eredità politica di Barack e Michelle Obama sotto le “picconate” dell’amministrazione di Donald Trump. L’ultimo colpo è stato sferzato alle misure introdotte nel 2010, e fortemente sostenute da Michelle Obama, per rendere più sana la mensa scolastica aumentando l’offerta di frutta e verdura.

Per venire incontro ad alcuni gruppi di produttori agricoli e alle scuole che si lamentavano dell’aumento nei costi che comportava la normativa del 2010, il dipartimento di Agricoltura ha inserito alcuni cambiamenti alle linee guida per i pasti scolastici, riducendo la quantità di frutta e verdura e, contemporaneamente, aprendo a un maggiore consumo di pizza, hamburger e patatine fritte.

Se l’obiettivo della nuova misura sarebbe quello di concedere maggiore flessibilità alle scuole e di tagliare gli sprechi, l’effetto è quello di allentare le misure per la tutela della salute degli studenti e per contrastare “l’epidemia” di obesità e di diabete.

Cos’è il “Healthy, Hunger Free Kids Act”

Si tratta del secondo tentativo da parte dell’amministrazione Trump di smantellare gli standard nutrizionisti promossi invece con il Healthy, Hunger-Free Kids Act, il decreto che andava a incidere sulle diete di 30 milioni di studenti in circa centomila scuole, obbligandole a servire frutta e verdura ai propri studenti tutti i giorni e di ridurre il numero di calorie e la quantità di grassi saturi e di sodio nei pasti.

Già nel dicembre del 2018 il dipartimento dell’Agricoltura aveva inserito una regola che permetteva alle scuole di servire latte scremato nel National School Lunch Program e nel programma per la colazione scolastica. La stessa norma stabiliva anche che solo la metà dei cereali settimanali doveva essere composta di cereali integrali e dava ai fornitori più tempo per ridurre la quantità di sodio nei pasti.

L’eredità degli Obama “sotto attacco”

Ma non si tratta dell’unico aspetto dell’eredità di Barack e Michelle Obama che Donald Trump ha cercato di smantellare dall’inizio della sua presidenza del 2015, sia in politica estera – come nel caso dell’accordo sul nucleare con l’Iran, sia in politica interna, dalla riforma della sanità (nota come Obamacare) alle misure per la tutela dell’ambiente introdotte dal precedente inquilino della Casa Bianca.

Leggi anche: