Davos, il finanziere George Soros: «Ci sono più Sardine che squali come Salvini, aspirante dittatore d’Italia»

Le dichiarazioni sono state fatte durante la tradizionale cena con la stampa

Alla fine è arrivato anche lui: il nemico per eccellenza del sovranismo, George Soros ha voluto dire la sua sullo scontro SardineMatteo Salvini. E non poteva farlo da posto migliore che Davos, la piccola località sciistica in Svizzera dove è in corso il Forum Economico Mondiale che ogni anno vede la partecipazione dei “grandi” della politica e dell’economia mondiale.

L’endorsement

«Ho saputo di un movimento spontaneo di giovani che si sono ribellati ai comizi di Salvini», avrebbe dichiarato Soros durante la tradizionale cena con la stampa. «Tenevano insegne a forma di sardine, con il motto “Sardine contro Salvini”», ha proseguito.

Il miliardario e fondatore di Open Society non sembra avere dubbi su chi può vincere lo scontro tra il giovane movimento e l’ex vicepremier e ministro dell’Interno.

«Ci sono più sardine che squali come Salvini, e dunque le sardine prevarranno», ha sentenziato Soros che ha definito il leader della Lega senza mezzi termini «l’aspirante dittatore d’Italia».

Leggi anche: