Ficarra e Picone a bomba sul vicesindaco leghista: «Casa popolare con 3400 euro di stipendio, ma purtroppo per noi non è tunisino»

Torna la polemica sul vicesindaco di Ferrara, che gode di un pass disabili nonostante goda di ottima salute e resta barricato in una economica casa popolare

La vicenda del vicesindaco di Ferrara, Nicola “Naomo” Lodi, riesplode sui social dopo l’attacco dei comici Ficarra e Picone su Twitter. L’ultima intemerata del leghista lo aveva visto protagonista di un video, quando minacciava la redazione di Piazzapulita su La7 poco prima del voto delle Regionali in Emilia-Romagna: «Vi faremo un cu*** così». Le urne però hanno beffato le speranze del leghista, con la sua storia rimasta intatta nella memoria collettiva.

E sono Ficarra e Picone a ricordarla: «Il vicesindaco leghista di Ferrara #NaomoLodi vive in una casa popolare – scrivono i comici – nonostante un reddito netto di 3400 euro al mese. Ha un contrassegno disabili tuttavia corre, va in bici e solleva pesi. Ma, purtroppo per noi, non è tunisino #primaglitaliani». Il riferimento è alla citofonata di Salvini al Pilastro di Bologna, quando andò a suonare anche a casa di un 17enne chiedendo a sua madre: «Suo figlio spaccia?». Al citofono dell’appartamento Acer di Lodi, in “stile Hollywood” come raccontano le cronache locali, al momento però non è stato avvistato nessun ex ministro dell’Interno.

Leggi anche: