Coronavirus, lo scivolone di La Russa (cancellato): «Usate il saluto romano per evitare il contagio»

Il politico di Fratelli d’Italia ha attribuito la “gaffe” a un collaboratore. «Alfonso – ha scritto poi – ha messo sui miei social un post ironico ma forse sul virus potrebbe suonare fuoriluogo e gli ho detto di toglierlo»

«Non stringete la mano a nessuno, il contagio è letale. Usate il saluto romano, antivirus e antimicrobi»: è il post Facebook shock sul Coronavirus pubblicato dal vicepresidente del Senato Ignazio La Russa. A corredo della frase del politico di Fratelli d’Italia tre faccine con la mascherina sulla bocca.

Il post su Facebook, poi rimosso, di Ignazio La Russa

Il contenuto è stato cancellato dopo pochi minuti, ma, come accade sempre in questi casi, troppo tardi perché non ne rimanesse traccia. La Russa ha giustificato la rimozione (e lo stesso post) con un successivo contenuto in cui spiegava la “gaffe” attribuendola a un suo collaboratore: «Alfonso ha messo sui miei social un post ironico ma forse sul virus potrebbe suonare fuoriluogo e gli ho detto di toglierlo».

Alfonso ha messo sui miei social un post ironico ma forse sul virus l ironia potrebbe suonare fuori luogo e gli ho detto di toglierlo

Gepostet von Ignazio La Russa am Montag, 3. Februar 2020

La frase ha suscitato un’ondata di polemiche. Il deputato del Partito Democratico Emanuele Fiano, fra gli altri, ha commentato: «Grave e imbarazzante che il vicepresidente del Senato faccia ironia sul virus di cui tutto il mondo parla da giorni e che sta seminando vittime e angoscia».

«Ancor più grave – ha continuato Fiano – che La Russa usi il coronavirus come spot per il saluto romano, il saluto usato dai fascisti e dai nazisti, vietato dalla legge del Stato che nasce dalla Costituzione antifascista. Se non è stato lui a scrivere quel post, si scusi chi l’ha scritto, l’ironia ha dei limiti. La Russa è un uomo delle istituzioni, visto che lui stesso lo ha fatto togliere vuol dire che anche lui lo sa che su certe cose non si scherza».

Leggi anche: