Manuel Bortuzzo, il post del padre a un anno dall’incidente: «Più forti di prima. Daje»

Lo scorso ottobre i due giovani responsabili di aver colpito il nuotatore sono stati condannati a 16 anni di carcere

Nella notte tra il 2 e 3 febbraio la vita di Manuel Bortuzzo è cambiata drasticamente. Il 19enne, promessa del nuoto italiano, rimase paralizzato alla gambe dopo esser stato colpito alla schiena da un colpo di pistola.

È il padre dello sportivo, Franco, a ricordarlo su Facebook postando una fotografia di Manuel con un tatuaggio sul braccio sinistro che raffigura due angeli: «È passato un anno. Più forti di prima. Daje».     

Nell’ottobre scorso, Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due giovani che avevano confessato di aver colpito il nuotatore, sono stati condannati a 16 anni per duplice tentato omicidio, porto, detenzione e ricettazione della pistola calibro 38 e di rissa scoppiata in un pub con una banda di pusher rivali poco prima della sparatoria.

Leggi anche: