Arbitri nel mirino, dopo Commisso ecco Fonseca: «Metro non uguale per tutti»

L’allenatore della Roma all’attacco. E a Firenze i tifosi si organizzano

La sua Roma gioca domani sera contro il Bologna per raddrizzare un 2020 finora avaro di soddisfazioni. Paulo Fonseca, però, non perde occasione per fare un passaggio sulla direzione arbitrale dell’ultimo Sassuolo-Roma, una sconfitta meritata sul campo ma che, secondo i giallorossi, avrebbe visto fioccare sulla formazione capitolina troppi cartellini gialli: «Non abbiamo perso per questo – precisa l’allenatore della Roma -, ma francamente per me è difficile comprendere il motivo di tante ammonizioni. Una cosa sola ho capito: qui in Italia il metro di arbitraggio non è uguale per tutte le squadre. Certamente noi non facciamo così tanti falli cattivi».

Boom, in maniera meno folkloristica rispetto al violino d’antan di Rudi Garcia o a quanto fatto nell’ultimo week end dal patron della Fiorentina, Rocco Commisso, ma ugualmente diretta. A proposito di Viola: sabato allo stadio, nel big match contro l’Atalanta del (poco amato a Firenze) Gasp, i tifosi di casa potrebbero presentarsi allo stadio con una maglia ad hoc, in segno di appoggio al proprio presidente: ‘Io sto con Rocco – Sono disgustato’. E le polemiche non si placano.

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: