I giovani con la “sindrome Greta”: lo scivolone di Borrell che irrita l’Ue

Il rappresentante ha quindi tentato di raddrizzare il tiro, scrivendo un post su Twitter ma era già tardi

Esisterebbe una “sindrome Greta” secondo l’alto rappresentante per la politica Ue, Josep Borrell. Un’uscita infelice – avvenuta non in sede istituzionale, bensì durante la presentazione di un libro – che ha causato un putiferio.

L’uomo ha redarguito i giovani che in questo ultimo anno si sono dati appuntamento in piazza per manifestare contro il cambiamento climatico, sostenendo che oltre a «marciare per le strade, dovrebbero avere più consapevolezza dei costi legati alle lotte per l’ecosistema».

Il già presidente del Parlamento europeo e ministro degli Esteri spagnolo, si chiede se i giovani «sarebbero disposti ad abbassare il loro livello di vita per aiutare i minatori polacchi».

Un discorso che stride nell’Europa del Green Deal, delle campagne di sensibilizzazione per il clima. E infatti il portavoce della Commissione Ue, Eric Mamer, ha risposto, piccato: «Non credo che la sindrome Greta sia stata ancora definita come condizione medica. La risposta è sicuramente no».

Borrell ha quindi tentato di raddrizzare il tiro, scrivendo un post su Twitter: «I movimenti giovanili di lotta ai cambiamenti climatici hanno il mio pieno sostegno ed ispirano politici e società». Ma era troppo tardi, ormai, perché le critiche stavano già piovendo. E nemmeno il governo di Madrid, sembra, avrebbe apprezzato.

Leggi anche: