Incontro tra attiviste: Greta Thunberg abbraccia Malala Yousafzai. Il premio Nobel: «L’unica per cui salterei la scuola»

Premio nobel per la pace del 2014 – la più giovane nella storia – l’attivista pachistana ha salutato la sua amica svedese così: «è l’unica amica per cui salterebbe la scuola»

Greta Thunberg non si è fatta sfuggire l’opportunità di incontrare uno dei suoi idoli («my role model», come ha scritto l’attivista svedese su Twitter). Arrivata nel Regno Unito per partecipare a un nuovo sciopero del venerdì nella città di Bristol, Thunberg ha fatto tappa all’Università di Oxford dove attualmente studia Malala Yousafzai. Le due ragazze sono simboli viventi dell’attivismo giovanile al femminile. Thunberg, 17 anni, come ormai sanno anche i sassi, ha ispirato il movimento ambientalista Fridays for Future. Mentre Yousafzai, cinque anni in più, da anni si batte per il diritto allo studio delle ragazze, duramente osteggiato da parte dei talebani nel suo paese.

Chi è Malala Yousafzai

Ha cominciato a farlo sin da adolescente, in Pakistan, suo Paese di origine. Una battaglia per la quale ha rischiato la vita: nel 2012 mentre andava a scuola il suo bus fu preso d’assalto dai talebani, la rete terroristica di fondamentalisti islamici attivi prevalentemente in Afghanistan e in Pakistan. I terroristi spararono alle studentesse, ferendo Yousafzai alla testa. La storia della sua guarigione, dall’ospedale militare in Pakistan alla clinica di riabilitazione nel Regno Unito, furono ripresi dalla BBC Urdu, facendo conoscere la sua storia al mondo. Nel 2013 Yousafzai venne “incoronata” dalla rivista Time come una delle persone più influenti al mondo e nel 2014 divenne la persona più giovane al mondo a vincere il premio Nobel per la pace. Su Twitter ha risposto a Thunberg dicendo di lei che «è l’unica amica per cui salterebbe la scuola».

Leggi anche: