Coronavirus, il Manchester United mette in “quarantena” Ighalo rientrato dalla Cina: si allenerà da solo

Il calciatore nigeriano, tornato dal prestito al Shanghai Shenhua si sta allenando da solo. Le misure di sicurezza sanitaria del Regno Unito prevedono che chi è stato in Cina nelle ultime due settimane deve rimanere in stato di osservazione

Il Manchester United ha deciso di far allenare da solo il suo attaccante Odion Ighalo per un rischio “potenziale” di contagio da Coronavirus. I media britannici informano che la decisione è stata presa dopo che il calciatore è tornato dalla Cina dove era in prestito al Shanghai Shenhua. Le misure di sicurezza sanitaria del Regno Unito prevedono che chi è stato in Cina nelle ultime due settimane deve rimanere in stato di osservazione.


Conseguentemente a questa regola l’attaccante non partito insieme ai compagni alla volta di Marbella, in Spagna, dove la squadra effettuerà un training camp. L’allenatore dell’United Ole Gunnar Solskjaer ha spiegato che Ighalo «rimarrà a Manchester perché non siamo sicuri che possa tornare in Inghilterra se lascia di nuovo il paese. Avrebbe voluto conoscere il resto della squadra, ma non vogliamo correre questo rischio».

Si tratta appunto soltanto di «una misura precauzionale», come precisato con una nota dallo stesso team il Manchester United, che chiarisce che «la situazione continua a essere monitorata». Ighalo si sta allenando da solo con un personal trainer a Manchester, ma non sul terreno abituale di allenamento dei Red Devil, bensì a Carrington. Secondo i media inglesi comunque l’attaccante nigeriano sarà fra i convocati per la partita di Premier League a Londra di lunedì prossima in cui il Manchester United sfiderà il Chelsea.

Leggi anche: