OpenMedia della settimana: è record per Fratelli d’Italia, cala ancora la Lega, bene il Pd

OpenMedia è la media aritmetica settimanale dei sondaggi sulle intenzioni di voto degli Italiani in esclusiva per Open

È stata una settimana che ha fatto registrare segnali significativi per i partiti di Centrodestra. Forza Italia mantiene il suo gruzzolo del 6% circa che, se fosse confermato alle urne la consacrerebbe terza gamba della coalizione, piccola ma necessaria per avere una piena maggioranza parlamentare. Ma sono i risultati dei partiti suoi alleati a meritare una riflessione.


La Lega (-0,7%) raggiunge il suo minimo da almeno un anno col 30,1%, ancora in discesa come avviene ormai da quattro mesi. Un trend negativo che sembra inarrestabile, nonostante la forza mediatica di Matteo Salvini. Per tre dei sette sondaggi pubblicati, il primo partito italiano è però sceso al di sotto del 30% (Emg, Demos, Ixé).

Parallelamente FdI raggiunge il suo massimo storico, un 12% (+0,8) tondo tondo che per Demos è già 13,1 e per Ixè 12,7. Due anni fa la realtà politica capitanata da Giorgia Meloni valeva il 4,4%, nove mesi fa il 6,6%. Oggi è a due punti percentuali dal Movimento 5 Stelle. Quest’ultimo si mantiene stabile sul 14% (max 15% per Index, min. 13,5% per Tecnè).

Vincenzo Ruocco | Grafico della settimana

In positivo il saldo del Partito Democratico, tornato da tre settimane sopra il 20%, un risultato incoraggiante dopo una fase di appannamento legata alla nascita di Italia Viva prima e di Azione poi.

Il partito di Matteo Renzi è sempre al 4% medio (5,1 per Emg), ma la settimana prossima potrebbero esserci segnali diversi a causa delle vivaci discussioni che hanno coinvolto i rappresentanti di IV nei giorni scorsi. Azione invece si mantiene sopra il 2% condividendo lo stesso risultato di +Europa. Curiosamente la somma di questi due partiti supera la percentuale di Italia Viva.

Trend positivo per LaSinistra al 2,9%.

(Istituti considerati: Swg, Ixè, Emg, Index Research, Demopolis, Tecnè, Demos)

Leggi anche: