Austria: revocato il blocco ferroviario al Brennero

Nel pomeriggio un treno diretto a Monaco era stato fermato a Verona per due presunti casi di contagio

Le ferroviarie austriache hanno revocato il blocco ferroviario al Brennero. Nella giornata del 23 febbraio le autorità di Vienna avevano deciso di bloccare tutti i treni da e per l’Italia a causa della diffusione del Coronavirus. «Al momento non è possibile viaggiare attraverso il Brennero in nessua delle direzioni a causa di un divieto ufficiale dalle autorità», aveva spiegato la compagnia Obb in un tweet. Una scelta motivata dall’aumento di contagi nel nostro Paese.


Il treno diretto a Innsbruck con a bordo circa 530 persone è quindi potuto ripartire, dopo essere rimasto fermo qualche ora alla stazione di confine.

Una decisione scaturita dopo che al confine con il Brennero era stato bloccato un treno proveniente dall’Italia perché a bordo vi erano due persone con febbre alta e il sospetto che potesse trattarsi di coronavirus, come spiega una nota del ministero dell’Interno austriaco:

«Un treno è stato fermato nel tratto da Venezia a Monaco al confine austriaco questa sera. Il motivo: le Ferrovie dello Stato italiane hanno informato l’Obb che sul treno ci sono due persone con sintomi di febbre. L’Obb ha quindi informato il centro di coordinamento del Ministero dell’Interni. Il capitano distrettuale responsabile del distretto di Innsbruck-Land è stato in grado di impedire l’ingresso in Austria con una rapida reazione. Il treno è ora alla stazione di confine del Brennero sul territorio italiano. L’ulteriore procedura è attualmente coordinata e verificata insieme alle autorità italiane».

Sul convoglio internazionale proveniente da Venezia Santa Lucia, su cui si trovavano circa 300 persone, e diretto a Monaco di Baviera con arrivo previsto alle ore 20,25, viaggiavano due persone con sintomi del virus fatte scendere a Verona Porta Nuova. Il treno è arrivato al Brennero alle ore 19,09 con un ritardo di circa 80 minuti.

Il racconto del blocco dei treni

«I treni al Brennero sono tutti fermi. Non si entra e non si esce perché l’Austria non fa entrare», ha raccontato all’AGI una passeggera. «Ero sul treno, l’ho preso dalla Pusteria. Arriviamo al Brennero e dagli altoparlanti ci comunicano una sosta tecnica di dieci minuti. Passa un po’ e vediamo un’infinità di gente che scende da un treno arrivato da Venezia».

«Salta fuori – continua la passeggera – che è tutto bloccato per sospetti casi di coronavirus. Tutti i treni dal Brennero sono bloccati. A quel punto sono scesa dal treno e ho convinto il poliziotto italiano a farmi scendere e sono andata via.  Adesso ho preso un treno e sto tornando in Pusteria. È incredibile».

Leggi anche: