Istat, in aumento la disoccupazione a gennaio: più penalizzati i giovani – I dati

Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni è del 29,3%

Prosegue il calo degli occupati registrato dall’Istat lo scorso dicembre: a gennaio 2020 c’è stata una diminuzione, rispetto al mese precedente, pari a 40mila unità. Se il primo mese di quest’anno viene confrontato con gennaio 2019, però, il dato è positivo: in un anno è stato registrato un aumento di 76.000 occupati.

Gli occupati totali a gennaio 2020 sono 23.312.000. Il tasso di occupazione è al 59,1%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto a dicembre. Il tasso di disoccupazione, invece, è rimasto stabile tra l’ultimo mese del 2019 e il primo del 2020: è pari al 9,8%, in diminuzione dello 0,6% rispetto all’anno precedente.

I disoccupati a gennaio sono 2.528.000, con un lieve aumento di 5.000 unità rispetto a dicembre 2019, ma in calo di 166.000 unità rispetto a gennaio 2019. Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni a gennaio risale al 29,3%, registrando un aumento di 0,6 punti su dicembre.

Sullo stesso tema: