Hammer, la truffa del vaccino contro il coronavirus al costo di 50 euro dalla Svizzera

Un volantino diffuso in Veneto, un vaccino australiano “acquistato in Svizzera” e venduto a pochi online. Una truffa

Un volantino era stato diffuso nel Veneto con la promessa di un vaccino contro il nuovo coronavirus al costo di 50 euro. A diffonderlo un cittadino rientrato dalla Svizzera, poi denunciato a inizio marzo 2020 a seguito della scoperta della truffa da parte della polizia locale di Vittorio Veneto. Ricordiamo che per fare un vaccino non basta così poco tempo, ci vuole molto lavoro, solo di recente una donna di nome Jennifer Haller si è prestata per i test negli Stati Uniti.

Il testo del volantino ritiene che il presunto vaccino sia stato creato in Australia e che l’unico stato che l’avrebbe ottenuto sia stata la Svizzera, acquistato dalla «clinica universitaria di Zurigo». Strano che poi per acquistarlo non fornisca i contatti di tale clinica, ma un indirizzo email [email protected] da contattare. Strano, fin troppo.

La presunta attendibilità

Nel volantino vengono citate diverse realtà. Oltre alla Clinica Universitaria di Zurigo leggiamo:

  • Fondazione delle (nel volantino è scritto “della”) ricerche infettive di Zurigo
  • Caritas di Berna
  • Sydney (nel volantino è scritto “Sjdnej”) Adventist (nel volantino “Abventistitst”) Hospital

Non si hanno notizie di enti del genere che abbiano a che fare con un vaccino contro il Covid-19 acquistato addirittura in Svizzera.

La risposta via email

Ecco l’email di risposta, firmata «Luigi Hammer», ottenuta da un nostro segnalatore che ha fatto richiesta del vaccino a quell’indirizzo (da notare gli errori di battitura) dopo che l’uomo che diffondeva la truffa era stato identificato e denunciato in Italia:

IL VACCINO ESISTE!
Rispondendo ai vostri quesiti:
Possiamo spedire il vaccino in tutta Italia e anche all’estero
Si possono ordinare anche più confenzioni (EURO 50.00 a confezione)
All’indirizzo e-mail indicato nel volantino si procedere all’ordinazione, indicando no. di confezioni ed indirizzo di spedizione
Una volta ricevuta la vostra ordinazione corredata di indirizzo invieremo un altro avviso indicandovi dove poter effettuare il bonifico
Il termine di consegna è di 15 giorni a partire dal giorno del bonifico
Spese di spedizione a nostro carico

L’email sembra una risposta automatica, simile al contenuto del volantino diffuso in Italia. Continua, dunque, la truffa.

Il vaccino dall’Australia?

Sono diversi i paesi che si stanno impegnando alla ricerca di un vaccino. Se ne parla in Germania, Stati Uniti, Israele e anche in Australia, ma nessuno può in alcun modo aver già superato i test per la sua approvazione. Immaginate soltanto se viene lanciato un medicinale senza essere testato, potremmo ritrovarci effetti collaterali anche pericolosi. Ecco perché c’è un rigoroso sistema di controllo che porta, alla fine, alla vendita e alla somministrazione al pubblico. La medicina è una cosa seria ed è bene sapere che neanche in Australia, contrariamente a quanto sostiene il volantino, c’è un virus testato e pronto contro il Covid-19.

Conclusioni

Una truffa «casalinga» fatta in maniera molto maldestra da un truffatore che dimostra di non essere nemmeno capace di scrivere senza errori. Non solo incapace di scrivere correttamente Sydney o altri nomi riportati nel volantino, basti pensare che nel volantino stesso invita a non seguire le frottole che si diffondono a «macchia d’aglio».

Ho inviato una email ai vari enti esistenti coinvolti nel volantino, nella speranza che intervengano legamente contro questa persona anche in Svizzera.

Leggi anche: