Coronavirus, troppe persone in Città Alta a Bergamo. Il sindaco Gori: «Immagini che fanno arrabbiare. Non sono bastate centinaia di morti?»

La foto è stata postata dall’ex consigliere regionale, Giosuè Frosio, che ha scritto sui social: «Città alta oggi… abbiamo capito tutto…»

Diverse persone hanno approfittato della domenica di sole per fare una passeggiata in via Bartolomeo Colleoni, luogo di passeggio nella cosiddetta “Bergamo Alta”. A causa, probabilmente, delle vie strette del centro, sembrerebbe però, da alcune immagini, che non sempre i passanti abbiano mantenuto le distanze di sicurezza. Inoltre, non tutti sembrano indossare correttamente le mascherine: in alcuni casi sono abbassate.

A postare per primo la foto, facendo scoppiare la polemica, l’ex consigliere regionale, Giosuè Frosio, che ha scritto su Facebook: «Città alta oggi… abbiamo capito tutto…». Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Bergamo. «Le immagini del pomeriggio, di Città Alta e di Largo Rezzara, mi hanno preoccupato e fatto arrabbiare. Non sono bastate centinaia di morti nella nostra città? Vogliamo ritrovarci tra un mese di nuovo nei guai?! Ve lo chiedo di nuovo: per piacere, metteteci serietà, impegno e rigore», ha detto Giorgio Gori in una diretta su Facebook.

Lo scorso 7 maggio aveva scatenato polemica la foto dei Navigli di Milano affollati. Era intervenuto anche il sindaco Beppe Sala, minacciando di chiuderli nel caso in cui gli assembramenti non fossero cessati.

Ansa | Gente a passeggio alla Corsarola, il nome con cui i bergamaschi familiarmente chiamano via Bartolomeo Colleoni, che rappresenta il luogo di passeggio preferito per chi va in Città Alta, Bergamo, 17 maggio 2020

Foto copertina: Ansa

Leggi anche: