La Casa Bianca blocca gli ingressi dal Brasile. Il primo giugno il Regno Unito entra nella Fase 2: riaprono le scuole

Il secondo Paese più colpito al mondo, dopo gli Usa, è il Brasile con più di 347 mila casi, seguito dalla Russia con 335 mila contagi

I contagi da Coronavirus nel mondo hanno superato i 5,3 milioni mentre i decessi sono più di 342 mila. Lo rileva il consueto aggiornamento della Johns Hopkins University sull’andamento della pandemia. Per quanto riguarda i decessi, il Paese con il maggior numero sono gli Stati Uniti, con quasi 100 mila vittime (97.087) – segue il Regno Unito con 36.757. Gli Usa sono al primo posto anche per il numero dei contagi (oltre 1,62 milioni), seguiti dal Brasile (347 mila) e dalla Russia (344 mila).

Regno Unito

EPA/ANDY RAIN – La protesta inscenata di fronte a casa da Boris Johnson per il caso che riguarda il suo super consigliere Cummings

Boris Johnson non intende chiedere le dimissioni al suo consulente chiave Dominic Cummings, sotto accusa per aver viaggiato durante il lockdown da Londra a Durham, città al nord del Regno Unito, non lontano da Newcastle, dove abitano i suoi genitori. Nei giorni scorsi Cummings si era difeso dicendo che la visita era motivata dalla necessità di affidare suo figlio piccolo di quattro anni ai genitori visto la malattia della moglie affetta da Coronavirus.

Per il premier britannico il suo super consigliere avrebbe «agito in modo responsabile, legalmente e con integrità». Nessuna violazione delle regole del lockdown dunque. Durante la conferenza stampa, Johnson ha anche annunciato che le scuole nel Regno Unito riapriranno il 1 giugno.

Stati Uniti

EPA/JUSTIN LANE | Un uomo per strada a New York davanti ai negozi ancora chiusi

Negli Stati Uniti la crescita dei contagi sta rallentando, rimanendo stabili in 25 Stati secondo quanto riporta il New York Times. Ma la il bilancio dei morti cresce di circa 1000 decessi al giorno, 1.127 nelle ultime 24 ore, avvicinandosi ora alle 100 mila vittime: 97.087 secondo la John Hopkins University, mentre i contagi totali sono saliti a oltre 1.6 milioni. Per la prima volta in due mesi, nello Stato di New York ci sono stati meno di 100 morti in un giorno.

In quello che è stato il focolaio più colpito dalla pandemia dall’inizio dell’emergenza sanitaria, sono stati registrati infatti 84 morti. Un segnale che secondo il governatore Andrew Cuomo conferma quanto si siano facendo «progressi reali» e che le misure restrittive stiano funzionando: «Secondo gli standard normali – ha detto Cuomo – il numero sarebbe pessimo. Ma siamo lieti che sia sceso sono i 100 per la prima volta dalla fine di marzo».

La prima pagina del New York Times

La prima pagina del Nyt del 24 maggio 2020 con i nomi di 1000 morti per Coronavirus negli Stati Uniti

Il New York Times ha deciso di pubblicare la prima pagina di domenica 24 maggio 2020 con i nomi e brevi necrologi di mille vittime per il Coronavirus: «Mille persone rappresentano solo l’uno per cento del bilancio totale dei morti – spiega il quotidiano nella breve introduzione – Nessuno di loro era solo un numero». La scelta simbolicamente forte è stata spiegata dal national editor Marc Lacey: «Volevo qualcosa che la gente possa guardare tra 100 anni, per capire la portata di ciò che stiamo vivendo». Una «perdita incalcolabile» quella negli Stati Uniti, come recita il titolo di apertura del quotidiano: «Non sono semplici nomi in una lista – si aggiunge sulla prima pagina – quelli siamo noi».

«Stop agli ingressi dal Brasile»

La Casa Bianca sospende gli ingressi negli Stati Uniti per i non americani che arrivano dal Brasile. «Il presidente ha deciso di proteggere il paese sospendendo gli ingressi di stranieri che sono stati in Brasile nei 14 giorni precedenti al loro arrivo negli Stati Uniti. Al 23 maggio il Brasile ha 310.087 casi di Covid-19, il terzo numero più alto al mondo», spiega la Casa Bianca.

Russia

EPA/SERGEI CHIRIKOV

In Russia il numero dei morti a causa del Coronavirus ha raggiunto un nuovo massimo giornaliero: da sabato 23 maggio sono morte 153 persone. Finora, il numero delle vittime in Russia ha raggiunto quota 3.541: diversi media hanno scritto che il numero dei morti è sottostimato, ma le autorità negano con decisione. I contagi registrati fin dall’inizio della pandemia sono 344.400, di cui 113.300 guariti. «Il numero dei decessi probabilmente salirà molto in maggio», ha detto venerdì la vicepremier Tatyana Golikova, sottolineando che la Russia è stata colpita in ritardo rispetto agli altri Paesi europei.

Cina

NICOLAS ASFOURI / AFP

La Cina è «aperta» agli sforzi e alla cooperazione internazionale per identificare la fonte della pandemia da Coronavirus. Parlando in conferenza stampa, il ministro degli Esteri, Wang Yi, ha precisato la necessità che l’indagine sia «libera da interferenze politiche» e basata su «motivazioni scientifiche». Sul punto, Wang ha criticato duramente gli sforzi dei politici Usa finalizzati a «creare voci» sull’origine del virus e a «stigmatizzare la Cina».

Brasile

EPA/Fernando Bizerra | Manifesti contro il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, che sin dall’inizio della pandemia ha sempre invitato i brasiliani a non interrompere le proprie attività

Peggiora di altri 965 morti in un giorno il bilancio della pandemia di Coronavirus in Brasile, dove le vittime totali sono salite ora a 22.013. Secondo i dati del ministero della Salute brasiliano, i nuovi contagi sono 16.508, per un totale di 347.398. Nell’intera America Latina i contagi hanno raggiunto quota 702.819, mentre i decessi sono 38.748. La quasi totalità dei casi nell’ultimo giorno sono stati registrati in Brasile, il Paese più colpito del continente, seguito dal Perù con 115.754 contagi e 3.373 morti, e il Cile con 65.393 casi e 673 decessi.

Leggi anche: