L’arresto violento di un’infermiera in Francia al corteo dei sanitari, la figlia: «A 50 anni ha lavorato anche 14 ore al giorno contro il Covid…» – Video

La donna era scesa in piazza con almeno altri 18 mila colleghi tra infermieri e medici per protestare sulle condizioni di lavoro in piena emergenza sanitaria

Sta facendo discutere in Francia un video pubblicato su Twitter del violento arresto di un’infermiera durante le manifestazioni degli operatori sanitari in Francia, che protestano per un aumento dei salari mentre sono impegnati nell’emergenza Coronavirus. Una scena che appare subito brutale, con la donna strattonata da diversi agenti che a fatica riescono poi a bloccarla e a metterle le manette. Come riporta France press citando fonti della polizia, la donna è un’infermiera fermata per oltraggio e lancio di oggetti contro le forze dell’ordine. Così come negli Stati Uniti, anche in Francia da diversi giorni la polizia è sotto accusa per i metodi spesso violenti con cui vengono effettuati gli arresti.

L’arresto è avvenuto vicino al piazzale des Invalide, vicino al complesso che ospita la tomba di Napoleone e vicino all’Assemblea nazionale. In altre immagini diffuse sui social, si sente l’infermiera urlare «Ventoline», un farmaco usato dalle persone asmatiche. Circolano in rete anche video che risalirebbero a pochi minuti prima dell’arresto, nei quali si vede la stessa infermiera che lancia oggetti contro i poliziotti.

Su Twitter è anche intervenuta sua figlia: «Questa donna è mia madre – ha scritto – ha 50 anni, è infermiera, per tre mesi ha lavorato fra le 12 e le 14 ore al giorno. Ha avuto il covid. Manifestava perché rivalutino il suo salario, perché riconoscano il suo lavoro. È asmatica. Aveva il camice. È alta 1,55 metri»

Video da Twitter @RemyBuisine

Leggi anche: