Falsificava persino le banconote in polimeri: arrestato a Bucarest. Aveva già speso 400 mila euro

L’uomo è stato fermato dalla polizia insieme a tre complici con cui faceva affari

È riuscito a produrre banconote false per un valore di 400 mila euro, e a spenderle. La storia è quella di C.R.T. – iniziali del nome – artista falsario originario della Romania che con una certa maestria – salvo poi essere stato arrestato – aveva messo su un ciclo di produzione per falsificare delle banconote che, per loro natura – e, possiamo dire a questo punto, in apparenza – risultano praticamente impossibili da contraffare: le banconote in polimeri che, anziché essere fabbricate in cartamoneta, sono invece create con una speciale plastica che non si deforma, non si deteriora, non si rompe.

C.R.T. è riuscito a occultare il suo business e a farla franca fino a quando non è stato braccato dalla polizia romena che da anni lo inseguiva. L’uomo è infatti stato arrestato venerdì 26 giugno insieme a tre complici accusati, con lui, di aver falsificato e speso circa 400 mila euro in Leu, la valuta romena. Al momento si trovavano in un resort di Bucarest, come riporta il quotidiano Business Insider.

Nel tempo erano riusciti a spendere l’ingente somma girando per fiere e mercatini, luoghi prediletti dai falsari perché raramente provvisti di tecnologia che possa riconoscere una banconota vera da una falsa.

Leggi anche: