La Tav si può ancora fermare? A che punto sono i lavori (e i costi) in Italia

Dopo le parole del sindaco di Lione sulla grande opera è ricominciato il dibattito: è davvero possibile fermarla?

Un’opera, due città coinvolte e due sindaci che non vorrebbero fare parte del progetto. La Tav, la ferrovia ad alta velocità che dovrebbe collegare Torino e Lione continua a dividere. In un’intervista pubblicata sul quotidiano La Stampa il nuovo sindaco di Lione Grégory Doucet ha chiarito subito la sua posizione: «Non bisogna insistere su un progetto sbagliato. È la scelta peggiore. Bisogna fermare la Tav».

Le parole di Doucet non sono una sorpresa. Il nuovo sindaco di Lione è stato eletto nella lista di Europe Ecologie-Les Verts (Eelv), il partito ecologista che nel 2019 alle Europee ha guidato la coalizione verde francese. Insieme all’Alliance écologiste indépendante, Eelv aveva conquistato oltre il 13% delle preferenze. Tra queste elezioni e le ultime amministrative, l’avanzata dell’«ondata verde» ha portato anche lo stesso Macron a cambiare passo nella sua politica.

A che punto sono i lavori

ANSA | Uno dei tunnel dei cantieri Tav

La società che gestisce il cantiere della Torino Lione è la Telt, una realtà pubblica le cui quote sono divise al 50% tra Francia e Italia. Il nostro Paese partecipa attraverso il gruppo Ferrovie dello Stato. L’11 giugno Telt ha comunicato che sono stati assegnati lavori inerenti alla Tav per altri 250 milioni di euro. Dopo i rallentamenti dovuti al Coronavirus anche questo cantiere è ripreso a pieno regime.

Secondo i dati diffusi da Telt al momento sono stati scavati circa 30 km di gallerie, su un totale di 162 km che sarebbero necessari per la realizzazione dell’opera. Telt dichiara quindi che il 18,5% delle gallerie previste sono state completate. La colonna portante dell’opera resta però il tunnel di base, la galleria da cui dovrebbero passare i treni. Di questa galleria a settembre del 2019 sono stati terminati gli scavi per i primi 9 km, tutti realizzati dal cantiere francese di Saint-Martin-La-Porte.

Il totale da raggiungere per questa parte dell’opera è 57,5 chilometri, di cui 45 in Francia e 12,5 in Italia. In Italia deve ancora svolgersi la gara di appalto, dal valore di circa un miliardo di euro, per la costruzione del tunnel base. Per quanto riguarda il nostro versante delle Alpi, nelle ultime settimane si sono concluse le opere di allargamento del cantiere di Chiomonte, in Val di Susa. Da questo sito, ormai grande circa un ettaro, partiranno i lavori per il lato italiano del tunnel base.

Ha ancora senso fermare il progetto?

ANSA | L’analisi costi-benefici della Tav era stata promossa dall’allora ministro dei Trasporti Danilo Toninelli

Il documento è lì. Si può ancora scaricare dal sito del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, insieme alla Relazione tecnico-giuridica. L’Analisi costi-benefici è stato uno dei temi più discussi dalla politica lo scorso anno, nonché uno dei capitoli su cui la maggioranza ha rischiato di spaccarsi. È stata firmata da cinque esperti e i risultati si possono considerare negativi. Secondo gli scenari analizzati, ultimare la Tav produrrebbe un danno economico compreso tra 5 e 8 miliardi di euro.

Uno dei cinque esperti che hanno firmato il progetto è Francesco Ramella, ingegnere meccanico specializzato in trasporto pubblico. Open lo ha contattato per chiedergli se l’analisi fatta un anno fa, e sostanzialmente ignorata dal governo, può ancora ritenersi valida: «Per completare la Tav saranno ancora necessari 11 miliardi euro. Al momento l’unico elemento di novità è questa recessione dovuta al Coronavirus. Ed è un elemento negativo: le persone avranno meno soldi per viaggiare».

La posizione del sindaco di Lione sulla Tav è la stessa della sindaca di Torino. Chiara Appendino ha sempre chiarito di essere contraria all’opera. Il fatto però che i due sindaci abbiano espresso lo stesso giudizio non dovrebbe cambiare le carte sul tavolo: «Dal punto di vista giuridico, non credo che né l’uno, né l’altro possano influire sul processo decisionale».

Ramella risponde anche a una delle domande che più venivano fatte nei primi mesi del 2019: ha ancora senso fermare la Tav? «La mia idea è la stessa dell’analisi costi-benefici: sì. Una parte dei soldi spesi andranno persi ma almeno risparmieremo i soldi che verranno investiti nei prossimi anni. Per la fine dei cantieri si parla infatti di 2030, anche se le possibilità di andare oltre ci sono».

Leggi anche: