Salvini e la notizia del pakistano che molesta una donna a Gallipoli: le foto sono una bufala, si riferiscono a un fatto di Trapani

Il post Twitter è stato condiviso da 400 utenti. Ma l’ex capo del Viminale l’ha pubblicato senza verificare se la notizia e le immagini fossero effettivamente collegate

Occasione succulenta per Matteo Salvini che neanche stavolta ha saputo resistere e si è fiondato a pubblicare una notizia non del tutto vera, corredata da immagini che, oltretutto, nulla avevano a che vedere con la notizia. Il post pubblicato dal leader della Lega sul suo profilo Twitter si riferisce a un uomo di origine pakistana che ha provato a molestare una donna per strada, a Gallipoli.

La versione della notizia rilanciata da Salvini è solo in parte vera, e le foto usate fanno riferimento a tutta un’altra storia: quella avvenuta a Trapani quando, nel gennaio del 2020, un uomo italiano con deficit mentali era uscito di casa nudo. Dunque, nessuna molestia. I carabinieri lo avevano fermato per portarlo nel reparto di psichiatria.

Il post di Salvini

«A Gallipoli un pakistano si è abbassato pantaloni e mutande e ha provato a molestare una donna per strada», scrive l’ex capo del Viminale, senza verificare se la notizia e l’immagine fossero effettivamente collegate. E affonda il colpo: «Che orrore, che schifo. Con la Lega al governo è stata garantita più sicurezza e protezione per tutte le donne vittime di violenza, grazie al Codice rosso. Mi auguro che anche la giustizia faccia la sua parte: nessuna tolleranza per questi stupratori inqualificabili». Il post, pubblicato su Twitter, è stato condiviso da quasi 400 utenti.

Trapani e Gallipoli: vicende a confronto

I fatti di Gallipoli, e cioè quelli riportati nel post di Salvini, raccontano di un uomo di 35 anni, di origine pakistana, che si sarebbe abbassato pantaloni e mutande e avrebbe tentato di molestare una donna che ha subito urlato per catturare l’attenzione dei passanti. Arrivati i carabinieri sul posto, l’uomo è stato fermato e sottoposto a un Tso da parte dei sanitari del 118. La donna è chiaramente rimasta scossa da quanto accaduto ma non avrebbe subito nessuna violenza.

Le foto – su cui è visibile, peraltro, il watermark del sito Dagospia – invece risalgono al gennaio del 2020 quando ad Erice, paesino in provincia di Trapani, un uomo – e che aveva dato segno di squilibri mentali – girava per strada nudo fino a che non è stato fermato dai carabinieri. Nel tentativo di opporsi, li aveva anche aggrediti. Anche in quel caso, non c’era stata alcuna molestia.

Leggi anche: