Strage dei bambini, no alla richiesta di archiviazione (per la seconda volta) della comandante di Nave Libra

Altri sei mesi di indagine disposti dalla gip: tra gli accertamenti richiesti, l’acquisizione dei tabulati telefonici dell’indagata

Servono altre indagini, non è possibile (al momento) archiviare. Arriva il secondo no alla richiesta di archiviazione per la tenente di vascello della Marina militare Catia Pellegrino. Era l’11 ottobre del 2013 quando la nave al cui comando si trovata Pellegrino, nave Libra, navigava a poca distanza da un barcone di migranti siriani, principalmente medici e le loro famiglie, in difficoltà. In quel naufragio – noto come la «strage dei bambini» – o la «strage dei dottori»- sono morte di 280 persone, tra cui una sessantina di bambini. 200 i sopravvissuti, venuti a Roma nel 2019 per chiedere giustizia.

La giudice per le indagini preliminari Paola Della Monica ha disposto altri sei mesi di indagine alla Procura per effettuare una serie di accertamenti tra cui l’acquisizione dei tabulati telefonici dell’indagata.

Catia Pellegrino è stata la prima donna a capo di una unità navale in Italia. Il suo anno trascorso al comando della nave della Marina militare al largo di Lampedusa si è trasformato prima in una docu-fiction e poi in un libro. Il processo, fermo per quasi due anni a causa di una questione procedurale finita in Cassazione, era ripartito a gennaio dello scorso anno. Il naufragio sarebbe avvenuto dopo aver inviato, invano, una serie di richieste di aiuto dal peschereccio in difficoltà – secondo le ricostruzioni era stato colpito tre volte dai libici –alle autorità italiane.

«In relazione al segmento temporale in esame, e cioè quello che va dalla prima telefonata sino alla richiesta formale di intervento di nave Libra da parte delle autorità maltesi, si ravvisa una condotta non improntata a parametri di diligenza e prudenza», scrive oggi, secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, la gip Paola Della Monica nel provvedimento con cui dice no alla seconda richiesta di archiviazione avanzata dalla procura di Roma nei confronti del comandante della nave Libra Catia Pellegrino.

In copertina ANSA/ Giuseppe Lami | La comandante Libra (a largo di Lampedusa) Tenente di Vascello Catia Pellegrino (prima donna al comando di una unità navale), Lampedusa, 1 agosto 2013.

Leggi anche