Coronavirus, nel Lazio crescono i contagi (oggi +68). Registrato un focolaio di 24 positivi in una casa di cura

Sono in corso indagini epidemiologiche in tutta la struttura romana che nel frattempo è stata posta in isolamento. Zingaretti: «Stop ai messaggi sbagliati. Dobbiamo essere chiari, il Covid non è scomparso»

Salgono rispetto a ieri i nuovi contagi da Coronavirus nel Lazio. I casi di oggi sono +68 (ieri l’incremento era di +58) per un totale di +1.284 attualmente positivi nella Regione, numeri che riportano alla situazione epidemiologica relativa ai contagi di maggio. E mentre il fenomeno dei nuovi casi dovuti ai rientri dalle località di vacanze come Malta, Croazia, Ucraina, Spagna e Grecia era già noto da qualche giorno, oggi si registra un cluster in una casa di cura di Roma.


Ci sono 24 pazienti positivi all’interno della struttura di degenza della Asl Roma 1 le Ancelle Francescane del Buon Pastore, in via di Vallelunga, in zona Boccea. Stando a quanto riferito dalla Regione, il primo caso a diffondere l’infezione sarebbe stato con molta probabilità un operatore sanitario. La Asl sta a questo punto svolgendo tutte le indagini epidemiologiche del caso e predisponendo eventuali trasferimenti dalla struttura, che nel frattempo è stata posta in isolamento.

«Nelle settimane scorse ci sono stati messaggi sbagliati, come se il Covid fosse scomparso», ha scritto il presidente della Regione su Facebook. «Non è così e dobbiamo essere chiari – ha proseguito Nicola Zingaretti -. Ora è tempo della mobilitazione della responsabilità, da parte di tutti. Come Regione Lazio oggi partono i test per chi sta tornando dai Paesi a rischio. In prima linea per contenere questa pandemia e non disperdere i sacrifici fatti».

Leggi anche: