Brexit senza pace, l’Ue avvia un’azione legale contro la Gran Bretagna per violazione dell’accordo

Il contenzioso riguarda la spinosa questione dell’Irlanda del Nord con cui Londra, nonostante quanto previsto dall’accordo, ha deciso di eliminare i controlli doganali

«La Commissione europea ha inviato oggi al Regno Unito una lettera di messa in mora per aver violato i suoi obblighi ai sensi dell’accordo di recesso» sulla Brexit. Ad annunciarlo la presidente Ursula von der Leyen. «Ciò – ha aggiunto – segna l’inizio di un procedimento formale di infrazione contro il Regno Unito. Ha un mese per rispondere alla lettera di oggi». Il 9 settembre, specifica in una nota la Commissione, il Regno Unito ha presentato un disegno di legge sul mercato interno (lo United Kingdom Internal Market Bill), che secondo Bruxelles violerebbe l’intesa sull’accordo di uscita, il Withdrawal Agreement.


In particolare la maggiore opposizione dell’Ue riguarda il protocollo su l’Irlanda e l’Irlanda del Nord. Le due parti avevano stabilito che Belfast doveva rimanere nel mercato unico per evitare il ritorno di un confine fisico tra i due Paesi. Di conseguenza, l’accordo prevedeva invece controlli doganali tra l’Irlanda del Nord e la Gran Bretagna. Ora Londra ha deciso di eliminare le dogane con Belfast violando, secondo l’Unione europea, l’articolo 5 dell’accordo di uscita. La Commissione – chiarisce – «ha avviato quindi un processo che – se il disegno di legge fosse approvato – ostacolerebbe il raggiungimento di un accordo» per l’uscita dell’Ue.

Leggi anche: