Attentato a Nizza, il capo della Polizia Gabrielli: «Massima allerta su obiettivi francesi in Italia»

L’intelligence ha fatto presente la necessità di rafforzare le misure di sicurezza dopo una riunione del Comitato di analisi strategica antiterrorismo

Dopo l’attacco alla basilica di Nizza della mattina di oggi, 29 ottobre, il capo della Polizia Franco Gabrielli ha inviato una circolare ai prefetti e ai questori per chiedere la massima attenzione sugli obiettivi francesi in Italia, oltre che un’allerta per il personale delle forze di polizia impegnate sul territorio. Quanto avvenuto in Francia è stato analizzato durante una riunione del Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa). L’intelligence ha quindi segnalato la necessità di rafforzare le misure di sicurezza in prossimità delle sedi istituzionali francesi. Al momento, viene sottolineato in ambienti del Viminale, su questi obiettivi c’è già il massimo livello di protezione, con una vigilanza fissa dell’Esercito e una vigilanza dinamica delle forze di polizia. Il protocollo potrebbe comunque subire alcune modifiche nelle prossime ore.


Le dinamiche dell’attacco

Questa mattina, nella città francese, un uomo, Brahim A., ha ucciso tre persone e ne ha ferite diverse nella basilica di Notre-Dame. Dopo poco, un funzionario di polizia ha chiarito che due delle vittime sono un uomo e una donna, rimasti sgozzati. La terza vittima è invece morta dopo essersi rifugiata in un bar vicino alla chiesa per le conseguenze delle gravi ferite riportate.

Leggi anche: