Alex Zanardi torna a parlare dopo l’incidente. Il racconto della dottoressa: «Nessuno ci credeva, è stata una grande emozione»

Il campione, a 7 mesi dall’incidente in handbike, sta proseguendo il suo percorso di riabilitazione a Padova. Continuano a esserci segnali di miglioramento. L’ultimo: ha comunicato con la sua famiglia

Alex Zanardi è tornato a parlare. L’ex pilota di Formula 1, dopo il terribile incidente in handbike dello scorso 19 giugno sulle strade della Toscana, sta andando avanti con il suo percorso di riabilitazione all’ospedale di Padova. E a rendere noto questo ulteriore progresso nella sua ripresa neuromotoria e neurocognitiva è stata la dottoressa Federica Alemanno, neuropsicologa dell’ospedale San Raffaele di Milano specializzata in awake surgery (anche detta “chirurgia da svegli”, ossia un insieme di tecniche neurochirurghe che ha l’obiettivo di ottimizzare la qualità della vita dei pazienti dopo delicati interventi), che sta seguendo in prima persona la riabilitazione del campione. 


«È stata una grande emozione quando ha cominciato a parlare. Nessuno ci credeva: lui c’era! E ha comunicato con la sua famiglia», racconta in un’intervista al Corriere della Sera la dottoressa Alemanno. Dopo l’incidente dello scorso giugno, infatti, Zanardi è stato operato più volte a Siena, e successivamente è stato trasferito al San Raffaele di Milano e poi ancora a Padova. «Tenendogli la mano giorno per giorno sono rimasta sorpresa dalla sua capacità di recupero», ha proseguito la dottoressa Alemanno. Insomma, Alex Zanardi continua a riservare grandi sorprese malgrado tutto, dimostrando di essere – ancora una volta – sempre più forte dei drammatici episodi e ostacoli che la vita gli ha sinora messo davanti.

Leggi anche: