Ragazza trans inseguita, buttata a terra e presa a calci a Torre del Greco. Indaga la polizia – Il video

Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza gli inquirenti sperano di risalire ai due aggressori

Siamo a Torre del Greco, in provincia di Napoli. Una ragazza trans giovedì sera è stata inseguita, insultata, buttata a terra e poi presa a calci, come mostrano in maniera inequivocabile le immagini postate su Facebook da Vincenzo Galasso e poi dal consigliere regionale della Campania, Francesco Emilio Borrelli. Un episodio di omotransfobia che emerge proprio nella giornata nazionale contro bullismo e cyberbullismo e che si è verificato in via Nazionale a Torre del Greco: una «persona indifesa» – ha commentato Borrelli – che, tra l’altro, ha provato anche a «scappare e urlare ma è stata braccata» dagli aggressori che l’hanno presa a calci, senza pietà, ripresi da una terza persona. Come fosse uno show.


«Feroce aggressione omofoba»

«Episodi del genere sono inaccettabili, sanno di prevaricazione e pregiudizi intollerabili. Niente può giustificare l’esercizio della violenza e della prepotenza. Nessuno può decidere deliberatamente di agire a scopo intimidatorio contro altri», ha detto Borrelli. Immediata la reazione del sindaco Giovanni Palomba che ha parlato di «una feroce aggressione omofoba consumatasi ai danni di un nostro giovane concittadino. Quanto accaduto, non può e non deve trovare alcuna legittima giustificazione. La violenza, sia fisica che verbale, rappresenta il più basso istinto comportamentale per una comunità che, invece, vuole definirsi progredita e civile».

Al via le indagini

La polizia, intanto, ha avviato le indagini: con l’acquisizione delle telecamere di videosorveglianza della zona si spera di poter arrivare, già nelle prossime ore, all’identificazione degli aggressori (due nel video). Le forze dell’ordine indagano anche su altri possibili episodi di bullismo commessi in passato nei confronti della stessa vittima.

I precedenti

Nelle ultime settimane, Open ha documentato, tra gli altri, la vicenda della stilista transessuale umiliata ai controlli dell’aeroporto di Catania e il caso di Caivano. Episodi di fronte ai quali, come spiegato dal deputato Alessandro Zan, la legge sull’omotransfobia diventa sempre più urgente pur rischiando di naufragare con la crisi di governo.

Foto e video da FACEBOOK | Elaborazione di OPEN

Leggi anche: