Coronavirus: Melbourne in lockdown, gli Australian Open di tennis avanti a porte chiuse. Gli Usa accelerano sui vaccini

In Australia, il primo ministro dello stato di Victoria annuncia cinque giorni di serrata. Stati Uniti, Biden torna all’attacco di Trump: «Non ha fatto il suo lavoro»

AUSTRALIA

EPA/JAMES ROSS | Pubblico sugli spalti durante il match tra Nick Kyrgios e Ugo Humbert, Mlebourne, 10 febbraio 2021.

Lockdown a Melbourne fino al 17 febbraio

In seguito all’annuncio di un lockdown di cinque giorni a Melbourne, il torneo di tennis dell’Australian Open proseguirà, ma lo farà a porte chiuse. La serrata decisa in città dalle autorità australiane risponde al tentativo di arginare la comparsa della variante del Coronavirus scoperta per la prima volta nel Regno Unito. Il primo ministro dello Stato di Victoria, Daniel Andrews, di cui Melbourne è la capitale, ha detto che la sede del torneo di tennis sarà considerata un «luogo di lavoro» che potrà continuare a funzionare con un numero limitato di dipendenti. Finora era permesso l’ingresso di un massimo di 30.000 persone al giorno.


Il lockdown a Melbourne inizia oggi, 12 febbraio, a mezzanotte e terminerà mercoledì, 17 febbraio. L’anno scorso, gli abitanti di Melbourne hanno dovuto far fronte una delle serrate più lunghe e restrittive viste a livello globale. «Abbiamo costruito qualcosa di prezioso, e dobbiamo prendere decisioni difficili, e fare cose difficili, per difendere ciò che abbiamo costruito», ha detto Andrews. In questi cinque giorni saranno in vigore le seguenti restrizioni:

  • Gli abitanti devono rimanere a casa tranne che per lo shopping, l’esercizio fisico, le cure e le esigenze di lavoro
  • Non sono permessi raduni
  • Gli spostamenti sono limitati a un raggio di 5 chilometri da casa
  • L’uso della mascherina è obbligatorio in pubblico
  • I luoghi di culto e tutti i luoghi non essenziali sono chiusi
  • Le scuole sono chiuse tranne che per i figli dei lavoratori essenziali

USA

ANSA | Il presidente degli Usa, Joe Biden.

Le nuove dosi di vaccino «entro luglio»

Gli Stati Uniti hanno concluso un ordine di 200 milioni di dosi di vaccino aggiuntive – 100 milioni di dosi da Pfizer e 100 milioni da Moderna – da consegnare entro la fine di luglio, ha confermato Joe Biden. Con il nuovo ordine, ha assicurato Biden, gli Stati Uniti dovrebbero avere abbastanza dosi per vaccinare 300 milioni di americani. L’annuncio è stato accompagnato da parole dure nei confronti di Donald Trump sulla gestione dell’emergenza.

Parlando al National Institutes of Health, il presidente ha lodato i primi sforzi della sua squadra per espandere l’accesso ai vaccini e ha criticato la strategia di Trump per la distribuzione delle dosi. Il piano per le vaccinazioni ereditato era in una situazione «molto peggiore delle attese. Gli scienziati hanno fatto il loro lavoro per un vaccino in tempi record, il mio predecessore non ha fatto il suo lavoro nel prepararsi alla grande sfida della vaccinazione di milioni di persone», ha detto Biden, lamentando il fatto che Trump non avesse ordinato abbastanza vaccini. «Non sarà tutto risolto a breve, ma lo risolveremo», ha aggiunto Biden riferendosi alle attuali difficoltà del piano di vaccinazione, alle prese con scorte limitate a fronte di una forte domanda.

Leggi anche: