Coronavirus, negli Usa stanziati 1,6 miliardi di dollari per tracciare le varianti. In Francia oltre 25 mila nuovi contagi

Il Brasile resta tra i Paesi più colpiti con un bilancio di 242.090 vittime e 9.978.747 casi da inizio pandemia. In Francia il numero dei contagi è diminuito del 10% in una settimana ma resta ancora sopra quota 20mila. Il Marocco accelera con la campagna vaccinale

Sono quasi 110 milioni i casi di Coronavirus registrati in tutto il mondo da inizio pandemia mentre le vittime totali sono arrivate a quota 2.428.021 a livello internazionale. I nuovi contagi registrati nell’ultimo giorno sono 192.266. I Paesi più colpiti dal Covid restano Stati Uniti (dove ci sono 84.541 positivi per un milione di persone), India, Brasile, Regno Unito. Mentre, ai primi posti per dosi somministrate di vaccino troviamo Stati Uniti (55.220.364 dosi), Cina (55.220.364 dosi), Regno Unito (16.122.272 dosi), India (8.999.230 dosi) e Israele (2.428.021 dosi).


USA

EPA/JUSTIN LANE | New York, Usa.

1,6 miliardi per rafforzare test e tracciare varianti

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Biden ha annunciato di aver stanziato 1,6 miliardi di dollari di investimenti per aumentare gli sforzi volti a tracciare le varianti Covid esistenti e quelle nuove che dovessero presentarsi, ma anche per continuare a eseguire in velocità e sempre più numerosi i test anti-Covid nelle scuole medie ed elementari e nei rifugi per i senzatetto.

Con lo stanziamento l’amministrazione intende anche incrementare la produzione domestica di materiale base per i test rapidi antigenici. A renderlo noto è stata Carole Johnson, coordinatrice dei test per la Casa Bianca. Inoltre, l’amministrazione Biden-Harris ha aperto un periodo di iscrizione speciale per garantire l’opportunità a ogni americano di sottoscrivere un’assicurazione sanitaria con un piano su misura.

FRANCIA

EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON | Parigi, Francia.

Oltre 25 mila nuovi contagi e 310 morti in 24 ore

Nelle ultime 24 ore, la Francia ha registrato 25.018 nuovi contagi da Coronavirus e 310 vittime. Il bilancio dei contagi dall’inizio della pandemia sale così a quota 3.514.147, mentre i decessi sono ormai 83.122. Rimangono ricoverati in ospedale 25.974 pazienti Covid, in calo di 265 rispetto alla rilevazione precedente, mentre sono 3.350 le persone ricoverate in terapia intensiva in condizioni di salute più gravi.

Sul fronte dei vaccini, il ministero della Salute ha dichiarato che 2.406.172 persone hanno già ricevuto la prima dose mentre, nelle ultime 24 ore, a 107.742 abitanti è stata somministrata anche la seconda dose. Una cifra che porta il numero totale di persone vaccinate a 923.289.

«Il numero di nuovi casi è diminuito del 10 per cento questa settimana. È leggermente in calo anche il numero di pazienti ospedalizzati, ma sarebbe irragionevole diminuire i nostri sforzi e rivendicare la vittoria. La circolazione delle varianti del virus rappresenta una vera minaccia – ha detto il portavoce del governo francese Gabriel Attal -. La situazione è così fragile che ogni piccolo fattore può cambiarla. Stiamo adottando misure rapide e proporzionate adattate all’emergenza».

BRASILE

EPA/Fernando Bizerra Jr | San Paolo, Brasile.

Oltre 56 mila contagi e 1.150 morti in 24 ore

Il Brasile nelle ultime 24 ore ha registrato 1.150 nuove vittime legate al Covid-19 e 56.766 nuovi contagi. A darne notizia è il Consiglio nazionale delle segreterie di salute. Dall’inizio della pandemia, un anno fa, i decessi sono arrivati a quota 242.090, i casi totali confermati nel Paese – tra i più colpiti in assoluto dopo gli Stati Uniti e l’India – sono invece 9.978.747. Le somministrazioni di vaccini contro il Covid-19 sono al momento 5.609.937, circa il 2,7 per cento della popolazione ha ricevuto almeno una dose.

MAROCCO

EPA/JALAL MORCHIDI | Rabat, Marocco.

Il Paese entra nella top ten mondiale per i vaccini

Il Marocco aumenta il ritmo della campagna vaccinale. Il Paese conta già due milioni di prime dosi somministrate. Il Marocco mette il turbo sulle vaccinazioni. Il numero di cittadini che hanno già ricevuto la prima dose ha raggiunto la cifra di 1 milione e 904.169 fino al 16 febbraio. Dopo le forze dell’ordine, il personale medico, gli insegnanti e le persone con più di 75 anni, la nuova categoria che da questo momento ha diritto a ricevere il vaccino in via prioritaria è la fascia di popolazione che va dai 75 ai 65 anni.

Lo scopo della campagna vaccinale in Marocco è quello di immunizzare gli oltre 30 milioni di abitanti con i vaccini Sinopharm e AstraZeneca. Con una media di 0,50 dosi ogni 100 persone, negli ultimi sette giorni il Marocco è al settimo posto nella classifica internazionale.

Leggi anche: