Vaccini, oltre 3 milioni e mezzo di somministrazioni: 1 milione e 300 mila hanno ricevuto anche la seconda dose

Alle forze armate sono già andate 27.728 dosi e il personale scolastico ne ha ricevute 38.681. Gli over 80 sono arrivati a quota 283.240 dosi di siero

Sono 1.334.719 le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose di vaccino e possono sentirsi al sicuro dalla minaccia del contagio da Coronavirus. La campagna vaccinale in Italia va avanti da quasi tre mesi – tra vari stop and go – e fino ad ora sono state 3.585.142 le somministrazioni in totale, su 4.692.460 dosi consegnate al nostro Paese.


La priorità, come noto, la si è data ai soggetti più a rischio. Stando agli ultimi dati del governo, tra le categorie che hanno avuto il diritto prioritario di ricevere il farmaco contro il Covid la situazione è questa: gli operatori sanitari e sociosanitari sono a quota 2.221.059 di somministrazioni, il personale non sanitario è arrivato a 645.152 dosi iniettate, gli ospiti delle strutture residenziali sono a quota 369.282 e gli ultraottantenni hanno ricevuto 283.240 dosi di siero.

Da qualche giorno si sono poi aggiunte due nuove categorie che hanno diritto di accedere in via prioritaria al farmaco anti-Covid: le forze armate (alle quali sono andate 27.728 dosi) e il personale scolastico (con 38.681 dosi iniettate). Quello di Pfizer/BioNTech continua a essere il vaccino più diffuso (con 3.905.460 dosi), seguito da AstraZeneca (542.400) e Moderna (244.600). Quanto al genere, sono 2.236.558 le dosi iniettate sulle donne e 1.348.584 gli uomini.

Leggi anche: