Bonaccini sui malumori nel Pd: «Salvini? Si può dialogare anche con gli avversari politici»

Il presidente dell’Emilia Romagna dopo l’uscita sulla riapertura dei ristoranti: «Un sacco di persone mi dicono “Hai fatto bene”. Basta polemiche»

L’uscita di Stefano Bonaccini sulla possibilità di aprire i ristoranti la sera in alcune zone del Paese, sulla scia di quanto detto anche dal leader della Lega Matteo Salvini, sta creando non pochi malumori all’interno del Partito Democratico. Dopo aver definito «ragionevole» la proposta del leader del Carroccio, in aperta discontinuità con l’approccio più precauzionale dell’ex maggioranza di governo e rispetto alle raccomandazioni del Cts, il governatore dell’Emilia Romagna è tornato sull’argomento, sostenendo di non comprendere perché  «anche con un avversario politico, laddove dica cose che io credo possano avere un senso, non si possa discutere, dialogare». 


Del resto, sostiene Bonaccini intervenendo a Mattino5 «Salvini credo di aver dimostrato di poterlo anche battere quando sembrava invincibile poco più di un anno fa, e quando si voterà per le politiche immagino che Pd e Lega si torneranno a dividere come è giusto che sia in una democrazia, avendo su tante cose idee diverse», rivendicando di «aver dato una mano in un momento molto difficile per il centrosinistra, insieme a tantissimi della mia regione, quando un anno fa battemmo la destra». 

La polemica interna al Pd

Sempre nel perimetro delle polemiche interne al Partito Democratico, il presidente dell’Emilia-Romana riferisce di star ricevendo «un sacco di messaggi di persone che mi dicono: “Hai fatto bene e non rinunciare all’idea che in politica anche tra persone distanti dal punto di vista del pensiero si possa lavorare insieme”». Bonaccini ha poi aggiunto: «Quando il ministro Franceschini, che mi sembra faccia ancora parte del Pd ha proposto, quando potrà essere consentito, di riaprire non solo i musei, ma anche cinema e teatri, e immagino l’avrà detto per le zone gialle, con il distanziamento, la mascherina, fa una proposta di buon senso». Insomma, Bonaccini richiama tutti a «non fare di polemiche» perché «i cittadini mai come oggi hanno bisogno di sentire le istituzioni vicine». 

Foto in copertina: ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Leggi anche: