Da AstraZeneca altro ritardo: la prossima settimana solo metà delle dosi previste. Da Pfizer domani 1,5 milioni in un giorno

Le dosi di Pfizer verranno ripartite tra le regioni entro domani. «A beneficiarne saranno i soggetti più vulnerabili», secondo le indicazioni del Commissariato per l’emergenza

Ancora un ritardo nella consegna dei vaccini di Astrazeneca. Delle 340 mila dosi previste per il prossimo 14 aprile, ne arriveranno solo 175 mila. L’azienda, stando a quanto riferito alla struttura del Commissario per l’emergenza, avrebbe comunque già comunicato che le dosi mancanti verranno distribuite in Italia assieme alle consegne previste per il 16 e il 23 aprile. E se sul fronte delle consegne del preparato anglo-svedese continuano a susseguirsi intoppi e ritardi, in Italia oggi è arrivato il più grande lotto di vaccini anti Covid sin dall’inizio della campagna di vaccinazione. 


Nella prima consegna di vaccini per il mese di aprile sono infatti arrivate 1,5 milioni di dosi da Pfizer – BioNTech che, stando a quanto riferito dal Commissariato guidato dal Generale Francesco Paolo Figliuolo «entro la giornata di domani raggiungeranno le diverse Regioni italiane». «Si tratta in assoluto del lotto di vaccini più consistente consegnato dall’inizio della campagna, di cui beneficeranno in modo particolare i soggetti più vulnerabili – si legge ancora nella nota ufficiale -. A tal riguardo, nell’ultima settimana, è cresciuto del 20% il numero di persone over 80 cui è stata somministrata una dose di vaccino». Complessivamente, comunica infine il Governo, «il numero di somministrazioni a livello nazionale ha superato oggi quota 11.250.000, a fronte di oltre 14 milioni di dosi finora consegnate».

Foto in copertina: Governo Italiano / Vaccino Pfizer: un milione e mezzo di dosi in distribuzione entro domani

Leggi anche: