Il Pil dell’Italia oltre il +4% nel 2021. Visco: «Vaccini e Recovery Plan spingono la ripresa»

Secondo le stime dell’Ocse la crescita si attesterà al 4,7% nel 2022. Il governatore di Bankitalia: «L’attività produttiva si sta rafforzando»

Il Pnrr e il successo della campagna vaccinale dovrebbero portare il Pil dell’Italia ai livelli pre-Covid a partire dalla seconda metà del 2022 con un aumento del 4,5 per cento nel 2021 e del 4.7 per cento nel 2022. Il dato arriva dall’Ocse, che ha segnalato un incremento dei consumi grazie alla diffusione dei vaccini e alla progressiva eliminazione delle restrizioni contro il virus. Secondo le stime dell’Ocse, infatti, anche i risparmi aumentati durante la pandemia verrano ridimensionati in questa ottica di spesa. Il governatore di Bankitalia Ignazio Visco ha detto che «l’attività produttiva si sta rafforzando» e che «nel corso dei prossimi mesi, con il prosieguo della campagna vaccinale, vi potrà essere un’accelerazione della ripresa». Secondo Visco, in particolare, «una ripresa robusta della domanda nella seconda metà di quest’anno è quindi possibile. Ne sono condizione il proseguimento delle favorevoli prospettive connesse con la campagna vaccinale e il buon avvio del Pnrr», ha detto il capo di Bankitalia.


Leggi anche: